Questo sito contribuisce
all'audience di

 

6 proprietà sconosciute dell’Aceto

Conosciuto ed utilizzato anche nell’antica Roma, veniva impiegato dagli antichi legionari romani per realizzare bevande dissetanti e per disinfettare le ferite.

di Daniele Lisi

28 Dicembre 2013





AcetoL’aceto che si utilizza regolarmente per condire l’insalata è anche dotato di alcune proprietà che lo rendono decisamente interessante. Conosciuto ed uapprezzato anche  nell’antica Roma, veniva impiegato dagli antichi  legionari romani per realizzare bevande dissetanti ma anche per disinfettare le ferite. Oggi non viene più utilizzato in questo modo, tuttavia le sue proprietà fanno si che lo si possa utilizzare non soltanto come condimento. Varie sono le tipologie di aceto: vi è quello di vino, quello di mele, quello balsamico e altri ancora, ma a prescindere dalla sua origine, si tratta di un antinfiammatorio naturale che può essere utilizzato in vari modi, oltre naturalmente a quelli tradizionali.

Come antinfiammatorio, se usato per frizionare la pelle, è un ottimo rimedio contro decalcificazioni, osteoporosi, reumatismi, sciatalgia, artriti, artrosi, crampi, gotta, lombaggini, e questo lo rende un amico della salute. Ma questa è solo la prima delle sue virtù nascoste che quasi nessuno conosce perché è anche in grado di aumentare l’assorbimento del calcio, questo grazie al suo contenuto di acido acetico. Questa proprietà si rivela essenziale per combattere le carenze di calcio che possono, come è ben noto, avere delle gravi conseguenze per la salute, come ad esempio l’osteoporosi.

AcetiAltra caratteristica importante è quella di controllare i livelli di zucchero nel sangue. Per i soggetti che soffrono di diabete di tipo 2 si tratta di una proprietà estremamente interessante in quanto poter mantenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue è per questi soggetti di vitale importanza.  È quindi in grado di prevenire alcune complicanze tipiche dei diabetici come, ad esempio, l’impotenza.
Può essere utilizzato per lavare frutta e verdura, al posto dei tanti preparati esistenti in commercio, con un risparmio certamente significativo che, di questi tempi, non è assolutamente da sottovalutare. È in grado infatti di eliminare le tossine, la maggior parte dei residui di pesticidi, concimi chimici e altre sostanze chimiche presenti in frutta e verdura.



Se utilizzato regolarmente come condimento aiuta a perdere peso, non perché dotato di proprietà dimagranti, ma perché contiene poche calorie, solo 25 per una tazza di aceto. È pertanto consigliabile utilizzarlo più di frequente per condire le insalate e non solo, anche se oggettivamente non a tutti è  gradito.
Aiuta a rimettere in sesto la pelle irritata da una eccessiva esposizione ai raggi del sole. In effetti, questa proprietà, se pur non trascurabile, non dovrebbe interessare nessuno in quanto è consigliabile non esporsi troppo a lungo ai raggi solari e, in tutti i casi, è bene farlo solo si si utilizza una adeguata protezione. A parte l’irritazione della pelle, il vero pericolo è rappresentato dai melanomi che, come è ormai ben noto a tutti, sono uno di rischi di una sconsiderata esposizione al sole.

Infine, sembrerebbe essere in grado di controllare i livelli di colesterolo grazie all’alto contenuto di fibre, in particolare l’aceto di mele, anche se si tratta di una proprietà su cui non tutti sono d’accordo.
In tutti i casi si tratta di un condimento sano e genuino, sicuramente da preferirsi rispetto ad altri che possono rappresentare un pericolo per la salute.

InsalataBasti pensare, per esempio, al  sale che sarebbe meglio utilizzare con molta parsimonia, o meglio ancora non utilizzare affatto, perché rappresenta un serio  fattore di rischio di ipertensione, con tutte le conseguenze che questo stato comporta. Al posto del sale si potrebbero utilizzare le spezie, alcune delle quali dotate di tante ottime virtù, abitudine che oltre tutto consentirebbe di scoprire un mondo di sapori  insospettabili e sconosciuti. In alternativa è anche possibile utilizzare il sale rosa dell’Himalaya, anche se decisamente molto più costoso.

Leggi anche

Seguici