Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Qual è l’integratore giusto per te? Ecco quando serve davvero

In sostanza gli integratori che servono davvero sono solo quelli che si assumono con una corretta ed equilibrata alimentazione.

di Daniele Lisi

27 Dicembre 2013





IntegratoreQual è l’integratore giusto per te? Innanzi tutto bisogna precisare che si parlerà solo di integratori alimentari e non di altri integratori, alcuni anche di recente formulazione, che hanno comunque come principio base alcune sostanze di origine naturale e vegetale sconosciute fino a pochi anni fa. Vi è anche da dire che un limite molto sottile divide  i normali integratori da quelli utilizzati per migliorare le performance sportive, anche di quelli non consentiti che rientrano per lo più tra le sostanze dopanti, per cui è bene precisare che è meglio ignorare i secondi.  Gli integratori in buona sostanza sono tutte quelle sostanze che, assunte da una persona sana, ne migliorano lo stato generale senza determinare alcun effetto collaterale.

L’esigenza di ricorrere agli integratori nasce sempre e comunque da una alimentazione inadeguata, che non fornisce tutte le vitamine, Sali minerali, proteine, acidi grassi e altro ancora di cui l’organismo ha bisogno, tranne quei casi in cui, per una qualsiasi patologia, gli integratori sono raccomandati perché non si è in grado di alimentarsi in modo corretto. Nel mondo occidentale non sono certo gli alimenti a mancare, anche se di questi tempi è sempre più frequente trovarsi al cospetto di persone che non riescono  ad alimentarsi a sufficienza,  piuttosto è la qualità degli alimenti a non essere all’altezza delle aspettative. Si preferisce sempre più ricorrere, per comodità, a cibi precotti, a preparazioni particolari, piuttosto che ad alimenti sani e completi.

IntegratoriAllo stesso modo, si preferiscono quasi sempre alimenti raffinati, come ad esempio la farina e lo zucchero, piuttosto che quelli integrali, ed è proprio questo il motivo per cui sempre più frequentemente si ricorre agli integratori. Si cerca con la pilloletta di integrare, appunto,  una alimentazione non carente, ma sbagliata.  Con la raffinazione tutte quei principi attivi naturali indispensabili al corretto funzionamento dell’organismo, si rompono, perdono la loro efficacia, perché soggetti ad alte temperature o a molteplici passaggi di lavorazione, per cui è necessario reintegrarli utilizzando, appunto, gli integratori.



Vi è tuttavia un limite, se così lo vogliamo definire, dell’organismo che non assorbe in maniera corretta gli integratori di origine sintetica. Infatti, recenti ricerche hanno dimostrato che, ad esempio, gli integratori di ferro, oltre a dare  irritazione gastrointestinale, vengono assorbiti solo nella misura del 5-30%, al pari degli integratori di calcio che sono ancor più penalizzati in quanto vengono assorbiti solo nella misura del 1-2%. Questo perché la mucosa intestinale tende a riconoscere più facilmente le sostanza naturali, quelle che fanno regolarmente parte degli alimenti, per cui le assorbe più facilmente e in misura maggiore.

Ecco quindi che gli integratori sono una soluzione che a volte non raggiunge l’effetto desiderato, proprio per le ragioni esposte in precedenza. La cosa migliore resta sempre e comunque una sana e corretta alimentazione, completa ed equilibrata, in cui siano presenti tutti gli alimenti e tutte le sostanze nutrienti, proprio perché il loro corretto equilibrio è la migliore risposta alle esigenze dell’organismo.  Gli stessi antiossidanti di cui si fa un gran parlare negli ultimi temi, se assunti come integratori possono avere addirittura l’effetto contrario, tanto è vero che recenti ricerche hanno dimostrato che assumere beta-carotene, vitamina A, e vit.E da sole o in combinazione con altri integratori aumentano la mortalità del 5%.

La lotta ai radicali liberi, i responsabili dell’invecchiamento cellulare, va fatta Alimentiin modo naturale, solo con la giusta alimentazione, perché pensare di eliminarli del tutto sortisce di fatto l’effetto contrario, in quanto ridurrebbe drasticamente i normali meccanismi difensivi dell’organismo. Secondo alcuni ricercatori, infatti, la giusta dose di radicali liberi è essenziale in quanto determinerebbe le difese immunitarie e la secrezione di insulina abbassando il rischio per il diabete. Ecco quindi che gli integratori che servono davvero sono solo quelli che si assumono con una corretta ed equilibrata alimentazione, gli altri potrebbero anche essere dannosi.

Leggi anche

Seguici