Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Allarme pollo contaminato, rischio epidemia di salmonella

Allarme Salmonella nel pollo.

di Valeria Bonora

20 Dicembre 2013

Lo studio condotto sul pollame da Luglio scorso ad oggi ha portato ad  un allarmante risultato: il 97% dei petti di pollo esaminati sono risultati positivi al batterio della salmonella e quindi decisamente pericolosi per l’uomo.

Lo studio è stato portato alla luce dal magazine per la tutela dei consumatori, Consumer Reports, dopo che un sempre maggior numero di persone viene colpito dalla salmonella. L’ultimo caso, negli Stati Uniti, ha coinvolto ben 389 persone, 40 delle quali ricoverate in ospedale.

Colpiti dal batterio non sono solo i polli industriali, ma anche quelli provenienti da allevamenti biologici. Un dato sconcertante visto che il 50% della carne consumata in America è risultata nociva.

Questo risultato non fa altro che metteri in luce un più grave problema che è quello del massiccio uso di antibiotici negli allevamenti di animali destinati al consumo umano. Un così largo uso di questi farmaci dà origine a ceppi di batteri resistenti e sempre più aggressivi per l’uomo.

E pensare che poco tempo fa la Food and Drugs Admnistration (Fda) aveva proprio posto l’accento su questo problema, l’uso indiscriminato di antibiotici negli allevamenti.

Basti pensare che ogni anno vengono contaminate da salmonella, campylobacter ed escherichia coli la bellezza di 48 milioni di persone e “la maggior parte delle morti legate al consumo di carni sono attribuite a quelle di pollo” – Commenta il magazine che ha pubblicato i risultati allarmanti.

In Europa non pensiamo di stare meglio, solo nel 2011 sono state 8.480 le tonnellate di antibiotici distribuiti per uso veterinario, e in Italia le tonnellate sono state circa 1.672, di cui solo lo 0,5 % in compresse per animali da compagnia.

Da notare che dal 2003 l’uso di antibiotici per accelerare la crescita è stato vietato in tutta Europa.

Dalle varie ricerche e dagli scrupolosi controlli effettuati dalle Asl, è risultato che le contaminazioni da antibiotici nelle carni Italiane è bassa, ma un’inchiesta recentemente condotta in Europa da Altroconsumo ha scoperto su 250 campioni di petti di pollo il batterio E.Coli resistente ad antibiotici e che 45 campioni erano stati comprati in Italia, a Milano e a Roma.

 

 



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!

Seguici