Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il piede può svelare la vostra origine

La nostra origine nelle dita del piede è possibile? Ecco come scegliere le calzature in base alla forma del nostro piede e onorare le nostre origini.

di Redazione

27 Novembre 2013





I piedi sono la struttura grazie alla quale, ogni giorno, svolgiamo innumerevoli attività. Troppo spesso li rinchiudiamo in calzature dalle forme improbabili o di cattiva qualità che contribuiscono a renderli doloranti e, alla lunga, modificati nella loro struttura. Alcuni sono considerati molto attraenti mentre altri meno a causa di un aspetto più tozzo e meno raffinato.

I piedi vengono suddivisi in base alla loro forma:  piede egizio, greco o romano. I nomi sono ispirati alla tipologia di vela impiegata da queste popolazioni ma, secondo uno studio condotto ad Oxford è anche possibile cercare di intuire la propria origine.



Il piede romano è caratterizzato dalle prime tre dita della stessa lunghezza e dalle altre due più corte; in genere si riconosce perché è poco affusolato. Il piede greco ha il secondo dito che può essere della medesima lunghezza o leggermente più lungo dell’alluce. Questo piede è slanciato ed è noto come piede da modella perché è particolarmente aggraziato ed è considerato molto eroticoIl piede egizio è caratterizzato dalla lunghezza delle dita che va a scalare (l’alluce è il dito più lungo). E’ forse il più comune, almeno in Italia. Il greco ha l’alluce più lungo rispetto alle altre dita che hanno una lunghezza che tende a diminuire con regolarità.

In base alla tipologia dei piedi è necessario individuare le scarpe più adatte. Chi possiede quello greco, in genere, non va incontro a particolari problematiche perché le dita sono lunghe e magre e non hanno la tendenza a sovrapporsi. Invece, per chi ha dei piedi romani è fondamentale optare per calzature che siano sufficientemente larghe in punta; in questo modo si evita l’assunzione di posizioni innaturali e dolorose.

Anche chi ha un piede egizio deve prestare attenzione perché le prime due dita potrebbero accavallarsi se si opta per scarpe con una punta troppo lunga e stretta.
Al momento dell’acquisto è bene scegliere calzature di qualità, realizzate con materiali resistenti e rispettosi della salute umana. Inoltre, è bene alternare spesso le scarpe in modo che eventuali posizioni scomode non siano mantenute troppo a lungo.

Leggi anche

Seguici