Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Quanto contano i preliminari a letto

L’amore lo si fa in due, per cui doveroso fare in modo che ad essere soddisfatti siano entrambi i componenti della coppia

di Daniele Lisi

15 Novembre 2013





PreliminariI preliminari a letto, per alcuni sono dei veri sconosciuti, perché hanno l’abitudine di guardare al sodo, tralasciando invece quella che è una parte fondamentale, forse anche la più bella, del rapporto. Questo accade in particolar modo nei giovani, che vedono i preliminari come qualcosa di perfettamente inutile, tanto che li ignorano completamente ma poi,  una volta arrivati ai 30 anni o giù di lì, si comincia a fare la loro conoscenza e, quindi, ad apprezzarli per quello che sono: una componente molto importante. Si, perché in amore non bisogna avere fretta, è meglio e oltre tutto decisamente più piacevole fare le cose con calma e non ridurre il rapporto ad un semplice accoppiamento, e null’altro.

L’amore lo si fa in due, per cui è doveroso fare in modo che ad essere soddisfatti siano entrambi i componenti della coppia,  anche se a volte non ci si riesce,  ma provarci è d’obbligo. Rispettare le aspettative del partner, i suoi desideri, le sue preferenze, è la strada corretta per instaurare un rapporto soddisfacente, duraturo, privo di rimpianti, e i preliminari servono proprio a questo, a rendere il rapporto il più piacevole e soddisfacente possibile.

PreliminariCome detto anche in altre occasioni, i preliminari possono cominciare anche molto prima, e non solo necessariamente nella camera da letto. Una carezza, il piedino mentre si cena insieme, un bacio rubato in cucina tra una cottura e l’altra, sono alla fine preliminari che oltre tutto gettano le giuste basi per quello che viene dopo.  L’eccitazione non è solo un fatto fisico, ma anche psicologico, per cui sapere che di li a breve ci si potrà dedicare con calma al proprio partner in camera da letto, aumenta l’eccitazione, anticipa parte del piacere, rende i preliminari e l’atto sessuale nel suo complesso decisamente più interessante, soddisfacente, piacevole.



Capire quali sono le preferenze del  proprio partner è fondamentale per  il buon andamento del rapporto.  A letto, come del resto nei rapporti della vita, non bisogna essere egoisti, non bisogna solo pretendere, ma bisogna anche dare, e soprattutto saper dare.  Non per nulla è un concetto  consolidato il fatto che è bello non solo ricevere un regalo, ma lo è altrettanto e forse anche di più farlo. Vedere il partner piacevolmente soddisfatto, completamente appagato e a suo agio,  rende il rapporto ancor più piacevole e, quando questo accade ad entrambi, si è raggiunto l’apice della soddisfazione, dell’appagamento.

Se dopo tanti rapporti si è esaurito il repertorio, cosa che accade molto più di frequente di quanto si possa immaginare, per evitare di ricadere nella monotonia, nel solito film già visto e rivisto, è necessario ricorrere alla fantasia per cercare di trovare qualcosa di nuovo e di eccitante.  I giochi amorosi, erotici, sono una soluzione, perché anche quelli, in fondo, sono preliminari perché, come detto in precedenza, l’eccitazione non è solo fisica, ma anche e forse ancor più psicologica. Così come potrebbe essere una soluzione cercare ispirazione nel Kamasutra, il libro dell’amore, perché sicuramente si potranno trovare posizioni e situazioni  mai vissute prima e che quindi rappresentano quella novità  in grado di vivacizzare un rapporto  che si trascina stancamente.

I preliminari sono quindi importanti, perché mettono quella marcia in più al Preliminarirapporto. Le donne poi, li gradiscono particolarmente anche se recenti studi hanno dimostrato che non sono i preliminari a determinare l’orgasmo, ma altro, anche se poi tutto quello che si fa prima della conclusione del rapporto non fa che accrescere il desiderio, preparare il terreno, mettere sia la donna che l’uomo nelle condizioni giuste per avere un rapporto pienamente soddisfacente. Quindi,  vale la regola che a letto non bisogna mai avere fretta, ma bisogna fare le cose con calma, sempre che non si tratti di un rapporto consensuale rubato, ma questa è un’altra storia.

Leggi anche

Seguici