Questo sito contribuisce
all'audience di

 

La Bimba che Non Invecchiava Mai è Morta

Brooke è morta, aveva 20 anni ma ne dimostrava appena 1.

di Valeria Bonora

30 Ottobre 2013





Aveva la Sindrome X la piccola Brooke Greenberg. Che piccola in realtà non era. Perché Booke era nata nel 1993, ma nonostante i suoi 20 anni, lei non invecchiava. La Sindrome X è causata da una rarissima malattia che per ora è ancora sconosciuta ai medici.

Brooke che sia fisicamente che cognitivamente sembrava una bimba di un anno circa, è morta una settimana fa ma la notizia è stata data a i media solo ieri e senza specificarne le cause.

La malattia di Brooke era in lei fin dalla nascita e non ha mai potuto crescere e neppure una diagnosi precisa per lei, per i medici il male che la affliggeva resta sconosciuto, fu visitata da numerosi specialisti, ma nessuna diagnosi di malattia genetica o di anomalia cromosomica fu possibile. Le furono somministrati degli ormoni della crescita ma non si dimostrarono di alcun effetto e i medici, incapaci di porre una diagnosi definitiva, definirono la sua condizione sindrome X.



Per il padre alcuni progressi nella crescita si sono visti durante i primi anni di vita ma poi la crescita sia fisica che mentale si è bloccata del tutto ed ora aveva 20 anni in un corpo di bambina.

Il suo corpo e i suoi genomi sono stato studiati per anni dalle più prestigiose istituzioni mediche negli Stati Uniti, ma senza nessun risultato.

Brooke nacque di 8 mesi, pesava 1.8 kg e presentava una lussazione anteriore dell’anca ma per il resto era del tutto normale. Operata subito dopo la nascita venne risolto il problema all’anca. Ma nel corso degli anni la piccola ebbe sempre diversi problemi che richiedevano ricoveri ospedalieri tra cui sette ulcere e convulsioni, perfino un ictus, ma sempre senza conseguenze. a cinque anni l’evento più inspiegabile le fu diagnosticato un tumore cerebrale che le procurò 2 settimane di coma… al risveglio del quale però la massa al cervello era completamente scomparsa. Un mistero.

Chissà se ora dopo la sua morte riusciranno ad avere delle risposte.

Altre notizie su Brooke le trovate QUI.

Leggi anche

Seguici