Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Dieta dell’uva, perdi 2 kg in una settimana

Autunno tempo di uva, la miglior dieta sul mercato è indubbiamente quella dell'uva la conosci? la hai mai provata? Ecco qualche consiglio che fa per te

di Redazione

14 Ottobre 2013





La dieta dell’uva fa perdere circa due chili alla settimana ed è ideale per l’autunno, periodo nel quale matura questo dolce frutto. La dieta dell’uva è un regime alimentare stagionale, ossia da seguire appunto durante l’autunno quando nel nostro Paese si vendemmia perché i grappoli hanno raggiunto il giusto grado di maturazione.

Si tratta di un regime dietetico da adottare soltanto per due o tre giorni al massimo, poiché è molto restrittivo e quindi potrebbe provocare delle carenze nutrizionali. E’ però possibile ripetere la cura dell’uva periodicamente, in modo da mantenersi in linea e depurarsi.

La dieta dell’uva che non deve essere seguita se si soffre di diabete, intestino irritabile o di allergie, è in uso dalla notte dei tempi ed è da sempre impiegato per frenare i liquidi in eccesso e per sgonfiarsi. E’ indicata anche per chi ha problemi di cellulite perché favorisce la microcircolazione.

L’ampeloterapia, altro nome della dieta dell’uva, deve essere effettuata con prodotti freschi e maturi; si possono scegliere una o più varietà, in base ai gusti personali. Per riuscire a godere al massimo dei vantaggi offerti da questo prodotto, sarebbe opportuno consumare uva appena raccolta. Va comunque sottolineato che in base al territorio nel quale l’uva è stata coltivata e secondo le caratteristiche del sottosuolo, gli acini hanno differenti caratteristiche organolettiche e proprietà.

Nei giorni di dieta l’alimentazione si basa, esclusivamente, su uva e acqua naturale; dopo massimo tre giorni si reintroducono, con gradualità, tutti gli altri alimenti. Questa fase deve essere eseguita con gradualità, evitando le abbuffate; inoltre, per non perdere i benefici ottenuti, è opportuno intraprendere un regime ipocalorico abbinato a del movimento fisico.



E’ opportuno iniziare la dieta con circa 500 grammi di uva da suddividere nei diversi pasti; nel frattempo si riducono gli altri cibi.  Dal giorno successivo ci si alimenta esclusivamente di uva e  questa dose si aumenta fino ad arrivare a due chili. I risultati arrivano velocemente e si noterà subito una diminuzione del gonfiore, la perdita di peso e una pelle più tonica.

E’ bene consumare anche la buccia, perchè proprio qui si nascondono le principali virtù di questo frutto; nella buccia si trovano preziosi tannini ma anche grandi quantità di fibre; queste ultime sono un vero toccasana per il nostro organismo perché, oltre a migliorare il senso di sazietà, evitano l’assorbimento eccessivo di grassi e zuccheri e mantengono in salute l’intestino.

Seguendo la dieta dell’uva è possibile non soltanto perdere peso ma anche godere delle molte proprietà di questo prodotto autunnale. Gli acini d’uva sono ricchi di sali minerali, ed in particolare di potassio che è utile per controllare la pressione sanguigna. Inoltre, è un frutto molto ricco di zuccheri che  forniscono energia immediata e di acqua, indispensabile per drenare e sgonfiare.

Come abbiamo appena accennato, l’uva ha un alto contenuto di zucchero ed è molto calorica; ogni 100 grammi sviluppa circa 80 calorie, ecco perché deve essere consumata sempre all’interno di un’alimentazione controllata.

Mangiare uva e seguire la dieta dell’uva permette di ottenere anche altri vantaggi a favore della nostra bellezza. Si migliora il tono della pelle e si prevengono le rughe, favorisce la salute dei capelli e della cute, è disintossicante e favorisce la lotta alla ritenzione idrica e alla cellulite.

Leggi anche

Seguici