Questo sito contribuisce
all'audience di

 

10 peggiori cibi da evitare nelle nostre diete. Ci sono delle sorprese

Alcuni alimenti di consumo praticamente quotidiano sono dannosi per la salute, al pari delle bibite light.

di Daniele Lisi

23 Settembre 2013





GelatiI cibi da evitare, da cui stare alla larga, sono parecchi, ma sembra che alcuni siano particolarmente dannosi per l’organismo. Volendo stilare una classifica dei dieci peggiori, è possibile anche imbattersi in qualche sorpresa, qualche alimento insospettabile, consumato un po’ da tutti, ma che invece non  dovrebbe mai essere preso in considerazione. Purtroppo, un po’ per colpa della pubblicità, spesso fin troppo invadente, un po’ per colpa della fretta, dell’abitudine ormai consolidata di consumare cibi già belli e pronti, ci si imbatte sempre più frequentemente in alimenti ricchi di sostanza dannose per l’organismo.

La bella cucina di una volta, ma non solo perché anche le bevande da evitare sono parecchie,  ormai è solo un ricordo, anche se, vuoi per la crisi economica che ci vede costretti alle preparazioni casalinghe, vuoi per la consapevolezza che genuino è sempre meglio, si sta riacquistando il gusto di cucinare, dei prodotti naturali, delle piccole coltivazioni sul balcone di casa. Bisogna sempre ricordarsi che si è ciò che si mangia, frase forse fin troppo utilizzata, ma si tratta di una verità assoluta. Ma vediamo un po’ di dare una occhiata alla classifica, partendo dal basso, ovvero dall’alimento o bevanda meno pericoloso per la salute.

Al decimo posto troviamo il gelato confezionato, sicuramente un insospettabile, perché il più delle volte si da troppo peso al nome del produttore, dimenticandosi che è il profitto il loro primo obiettivo. Questi gelati possono contenere una certa quantità di grassi transgenici, coloranti,  sapori, neurotossine particolarmente dannose per il sistema nervoso, e altro ancora. La soluzione sono, quasi sempre, i gelati artigianali ma la cosa migliore sarebbe dotarsi di una gelatiera e farsi il gelato con le proprie mani, così da sapere esattamente da quali ingredienti è composto.

PatatineIl nono posto è occupato dai pop corn che, secondo i risultati di una ricerca del Center for Science in the Public Interest,  sono particolarmente ricchi di grassi satur quindi dannosii, senza poi contare il rischio di imbattersi in mais geneticamente modificati.
All’ottavo posto la pizza surgelata che si trova sempre più di frequente, e nei gusti più svariati, nei banchi sei supermercati. La farina utilizzata per queste preparazioni  è la doppio zero, particolarmente raffinata, che ormai è dimostrato essere dannosa per l’organismo.



Al settimo posto troviamo le patatine fritte, seguite al sesto dalle patatine confezionate, quelle che si sgranocchiano volentieri davanti alla TV. Vengono quasi sempre  fritte in oli utilizzati fin troppe volte, oltre tutto oli di semi e non olio extravergine di oliva, e l’olio di semi che ha una bassa temperatura di fusione, fondendo produce delle sostanze tossiche tra cui il famigerato acrilamide, una sostanza altamente cancerogena.
Al quinto posto troviamo salumi ed insaccati tra cui pancetta, salame, coppa, salsicce ad altri che contengono spesso conservanti che sono tossici per l’organismo, e possono essere causa di patologie cardiache o diabete. Per gli amanti dei salumi la scelta migliore è rappresentata da bresaola e prosciutto che sono decisamente più magri e meno pericolosi per l’organismo.

Al quarto posto i Wurstel. Secondo una ricerca condotta dall’università delle Hawai, mangiare wurstel  accresce di oltre il 60% il rischio di tumore al pancreas, e questo per colpa dei  nitrito di sodio utilizzato come conservante.
Al terzo posto troviamo i così detti prodotti da forno fritti, le famose merendine, che ormai tutti sanno essere tra le principali responsabili del sovrappeso, ma non solo, perché sempre per colpa dei grassi idrogenati presenti, sono nocive per l’organismo.Bibite light
Al secondo posto le bibite gassate analcoliche che, secondo uno studio condotto da un ricercatore statunitense, sono responsabili di una serie di patologie anche serie a carico del fegato, reni, ossa e cuore.
Al primo posto, infine, la bibite gassate così dette light, quelle senza zucchero, quasi tutte dolcificate con aspartame, dolcificante da tempo contestato perché responsabile di una serie di patologie anche gravi.

Leggi anche

Seguici