Questo sito contribuisce
all'audience di

 

7 sintomi da non trascurare per la propria salute

Ti senti poco bene? Ecco 7 sintomi da non trascurare mai

di Redazione

22 Agosto 2013





Il modo migliore per stare in salute è la prevenzione. E’ importante che ciascuno di noi, sia in grado di valutare quando sia il caso o meno di recarsi dal medico per effettuare delle indagini approfondite.

Vi sono dei campanelli d’allarme che non devono essere assolutamente trascurati, pena il deteriorarsi della nostra salute. Vediamo quali sono i 7 sintomi da non trascurare per preservare la nostra salute.

1 Sangue nelle feci e nelle urine. Il sangue nelle feci non è sempre la spia di una malattia oncologica; infatti, può essere determinato anche da altri problemi come per esempio le emorroidi o i diverticoli. E’ fondamentale però escludere tutte le possibili cause, quindi in presenza di sangue nelle feci è necessario rivolgersi al proprio medico. Questo discorso è valido anche per il sangue nelle urine che potrebbe essere determinato da un’infezione alle vie urinarie o da un eventuale carcinoma. Bisogna evidenziare che è sempre opportuno recarsi dal medico anche se il sangue dovesse comparire sporadicamente o in minime quantità.

2  Stanchezza e spossatezza. Quando si accusa costantemente uno stato di prostrazione fisica e non vi sono cause precise, è consigliabile chiedere l’intervento del proprio medico. In questa situazione infatti, sono consigliabili delle analisi per determinare una possibile anemia, altri squilibri nutrizionali o problemi più gravi.



3  Modifiche della pelle. Quando un neo si trasforma, cambiando di colore, di forma o di dimensioni è opportuno andare da un dermatologo; lo stesso discorso vale quando si notano sanguinamenti o ingrossamenti. E’ opportuno tenere sotto controllo la cute, individuando subito la comparsa di lesioni o macchie che possono presentarsi anche nelle mucose orali; in particolare, bisogna sempre verificare che i tagli e le lesioni si cicatrizzino a breve.

Dolore forte al petto. Se si associa a dolore al braccio, al sudore e a senso di nausea potrebbe trattarsi di infarto. E’ quindi necessario chiamare un’ambulanza in modo da poter arrivare, il prima possibile, presso un pronto soccorso.

5  Tosse. Se la tosse non migliora nell’arco di una settimana è meglio rivolgersi al proprio medico che potrebbe prescrivere ulteriori indagini. La tosse può essere la spia di un possibile carcinoma o di una grave infiammazione polmonare.

6  Perdita di peso inspiegabile. Dimagrire in maniera eccessiva senza seguire una dieta dimagrante non è un segnale positivo. E’ importante chiedere consiglio al medico curante che, stabilirà se è necessario procedere con delle analisi ematiche e, in caso di problemi ormonali, anche urinarie. Fra le varie patologie, potrebbe trattarsi di un problema ormonale, esattamente legato alla tiroide

 Necessità di urinare spesso, eccessiva sete e altri sintomi potrebbero essere il sintomo di un innalzamento della glicemia. Se i valori superano la soglia limite di 110, si parla già di diabete. Il medico curante, oltre a prescrivere delle analisi del sangue specifiche, può richiedere l’esecuzione di una curva glicemica.

Il diabete è una patologia sempre più diffusa che può essere combattuta seguendo uno stile di vita attivo e prediligendo un’alimentazione sana con pochi zuccheri; inoltre, è opportuno mantenere il proprio peso forma ed in caso di sovrappeso dimagrire.

 

Leggi anche

Seguici