Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come evitare la congestione al mare

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Quando il corpo è nella fase di digestione il rischio di congestione è molto altro se ci si immerge nell’acqua, soprattutto se fredda. Durante la digestione il sangue corporeo tende a concentrarsi nella regione dell’apparato digerente, se però ci si immerge in acqua, specie se particolarmente ...

di Ilaria

16 Luglio 2013





Quando il corpo è nella fase di digestione il rischio di congestione è molto altro se ci si immerge nell’acqua, soprattutto se fredda. Durante la digestione il sangue corporeo tende a concentrarsi nella regione dell’apparato digerente, se però ci si immerge in acqua, specie se particolarmente fredda, il sangue lascia questo distretto per andare nel resto del corpo e cercare di mantenere la temperatura del corpo ad un livello adeguato, così facendo la digestione va in blocco per mancanza di sangue e si ha la congestione.



Detto ciò, è’ buona norma, aspettare che la digestione sia terminata prima di fare il bagno in mare o in piscina ed evitare le bevande ghiacciate quando si è molto accaldati.

I tempi di digestione variano da individuo ad individuo, ma in linea generale questi sono i tempi da rispettare quando si mangiano questi cibi:

Colazione con latte e biscotti: due ore a e mezzo di digestione

Pranzo con pasta, carne e verdura: tre ore di digestione

Merenda con panino imbottito: tre ore di digestione

Gelato con cialda: due ore di digestione

Frutta: un’ora e mezzo di digestione.

A scatenare una congestione è la differenza tra la temperatura corporea e quella circostante, che induce una vera e propria fuga di sangue dai distretti corporei periferici. Vige, pertanto, il divieto assoluto di immergersi nell’acqua o bere liquidi ghiacciati quando il corpo è in fase di digestione. Infatti esponendo il corpo ad un repentino abbassamento della temperatura, si ha una riduzione dell’afflusso cerebrale, con possibile perdita di coscienza e ulteriore pericolo di annegamento.

La congestione si manifesta con dolore addominale, nausea, vomito e nei casi più gravi con la perdita dei sensi.

 

 

Leggi anche

Seguici