Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come trovare il punto G, dove e com’è fatto

L'apparato femminile è ancora un vero e proprio mistero! Ecco dov'è il bottone del piacere femminile...

di Redazione

10 Luglio 2013





Il punto G, è una zona particolare dell’apparato femminile, che consente alla donna di provare una sensazione molto evidente di piacere. Si è discusso molto, in questo breve articolo riportiamo alcune teorie tra quelle che sostengono l’esistenza effettiva di questa zona erogena.

In alcune donne che hanno provato un piacere legato al punto G, si è anche verificata una sorta espulsione di una sostanza particolare. Naturalmente, la stimolazione di quest’area non provoca identici risultati a tutte le donne; inoltre, per quanto riguarda la sua individuazione, si tratta di una “scoperta” da effettuare con calma e con tempo.

Non è sempre facile riuscire a sollecitare questa zona che si trova dietro il clitoride. Alcune posizioni sono un aiuto per la sua individuazione. In linea di massima, se si desidera stimolare, è meglio che, durante l’atto, la donna stia sopra.

La stimolazione non è sempre veloce infatti, per alcune donne sono necessari preliminari più intensi. Da anni, gli studiosi discutono non soltanto sulla sua esistenza ma anche sulla sua esatta collocazione.



In un recente studio, condotto dal ginecologo Adam Ostrzensky, si dimostra che il punto G si trova all’interno dell’apparato genitale, ha una lunghezza di 8.1 millimetri ed è largo 1.5 millimetri. La misurazione è stata effettuata durante un’autopsia e ha permesso di individuare con precisione questa area particolare del corpo femminile. Il dottor Ostrzensky ha affermato che lo spessore di quest’organo è pari a 0.4 millimetri ed è formato da un tessuto assimilabile a quello del clitoride.

La ricerca ha quindi permesso di confermare quanto era stato affermato dal professor Grafenberg, il primo ad identificare questa zona. Recentemente, il professor Emanuele Jannini, dell’Università dell’Aquila, è riuscito a determinare l’esatta posizione del punto, attraverso un‘ecografia di tipo transvaginale.

Il punto G non sempre si riesce a raggiungere  in tutte le donne ma questo dato non deve intristire nessuno perchè, è comunque possibile raggiungere il piacere e l’appagamento senza alcun problema.

Leggi anche

Seguici