Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perché l’uomo è tanto attratto dal seno?

L’uomo è particolarmente attratto dal seno, un bel decolté è in grado di far girare la testa agli uomini più di qualsiasi altra cosa.

di Daniele Lisi

14 Giugno 2013





Seno generosoL’uomo è particolarmente attratto dal seno, un bel decolté è in grado di far girare la testa agli uomini più di qualsiasi altra cosa. È una attrazione che è vecchia quanto il cucco, nel senso che è così si potrebbe dire da sempre. Secondo gli antropologi che hanno tentato di dare una spiegazione a questa preferenza maschile, il tutto è un retaggio di quando l’uomo camminava carponi, perché un bel seno prosperoso, ricorda un po’ le rotondità delle natiche che un tempo, infatti, erano la maggiore attrazione per l’uomo. Con l’evoluzione e con l’assunzione da parte dell’uomo della posizione eretta, il seno è balzato prepotentemente in primo piano, il punto di vista è cambiato, e ha sostituito quella che prima era la principale attrazione sessuale.

Quindi, la prima motivazione sembra essere quella suggerita dagli antropologi, tuttavia, con l’evoluzione, ha preso piede anche un’altra interpretazione del fenomeno, e tra coloro che sostengono questa tesi vi è il professor Larry Young, docente di psichiatria alla Emory University (negli Usa). Secondo il docente statunitense, le cause vanno invece ricercate nel legame affettivo che si è instaurato tra madre e figlio nel periodo dell’allattamento.

Questo segnale viene trasmesso, indifferentemente, sia ai figli maschi che alle femminucce, solo che  Senonei maschietti, il legame resta forte per tutta la vita, è  inconsciamente, con l’età adulta, si trasforma in un forte segnale erotico. Il seno materno, per i bambini, è rassicurante, è un rifugio, per molti rappresenta anche il solo modo per alimentarsi, quindi il legame che si viene a creare è indissolubile, e lo sarà per tutta la vita, solo con i necessari e opportuni distinguo. Ma non solo, perché durante l’allattamento, i capezzoli stimolati a produrre latte, attivano anche la produzione di ossitocina, l’ormone del benessere, che in questo caso è la molecola dell’amore, che mette in condizioni le mamme di restare legate affettivamente ai loro figli per la vita.



Per le mamme che non allattano, o per scelta o per altre cause contingenti, questo rappresenta un problema, nel senso che quel legame avrà una valenza diversa, non avrà la stessa intensità che proveranno coloro che invece hanno allattato i figli al seno, e questo vale, ovviamente, anche per i figli. Il legame tra madre e figli vi sarà comunque, ovviamente, ma non avrà la stessa intensità.

Nelle donne, lo stesso meccanismo che induce la produzione di ossitocina, si innesca anche durante il rapporto sessuale, se il partner stimolerà i suoi capezzoli, e questo, sempre secondo il professor Larry Young, farà si che il legame tra i due partner sia ancor più forte, univoco, in quanto l’ormone dell’amore, alimenterà nella donna un legame affettivo ed  emotivo verso il partner ancor più forte e duraturo. E, naturalmente, questo vale anche per l’uomo che, inconsapevolmente, torna  a potersi tuffare in quello che nei suoi ricordi, ma soprattutto nel suo inconscio, era un posto sicuro, un posto in cui si sentiva perfettamente a suo agio e che non avrebbe cambiato con nulla al mondo.

C’è poi da domandarsi perché ad una buona parte di uomini il seno piace abbondante, generoso, più lo è, meglio è. Il motivo, secondo i sessuologi, è Mamma allatta al senosempre lo stesso: il seno materno. Nella maggior parte dei casi, nel periodo dell’allattamento, per ovvi motivi, anche un seno piccolo aumenta di dimensioni, e quindi il legame che si è creato in tenera età, è con un seno generoso, di dimensioni adeguate, si potrebbe dire. Ed è proprio questo ricordo inconscio, questa sensazione di benessere che è entrata prepotentemente nella personalità di quasi tutti i bambini, questo legame che si è creato con un seno di generose proporzioni, che in moltissimi soggetti rimane per tutta la vita.

Leggi anche

Seguici