Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Nitriti nelle urine

La presenza di piccole quantità di nitriti nelle urine è una condizione normale in quanto  questi che sono per lo più di origine alimentare, vengono espulsi regolarmente dall’organismo con l’urina,  con il sudore e le lacrime. Ma cosa sono i nitriti che assumiamo quasi quotidianamente. Sono per lo più sostanze che ...

di Daniele Lisi

22 Gennaio 2011

nitritiLa presenza di piccole quantità di nitriti nelle urine è una condizione normale in quanto  questi che sono per lo più di origine alimentare, vengono espulsi regolarmente dall’organismo con l’urina,  con il sudore e le lacrime.
Ma cosa sono i nitriti che assumiamo quasi quotidianamente. Sono per lo più sostanze che sono presenti naturalmente negli alimenti animali, vegetali e nell’acqua. Vengono aggiunti come additivi alimentari a insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola e altri prodotti a base di carne, pesci marinati e a volte anche in prodotti caseari e vengono usati per mantenere il colore rosso o roseo della carne e perché svolgono un’azione antimicrobica e antisettica specialmente nei confronti del botulino, evitando cos’ che questo possa formarsi nei prodotto in scatola.

Come conservanti i nitriti vengono usati in minima quantità e quindi non creano problemi, ma il più delle volte sono impiegati in quantità maggiore per alterare artificialmente  la qualità dei prodotti e, in particolar modo, per mantenere il colore rosa degli insaccati che altrimenti, trattandosi di carne cotta, avrebbero un colore grigiastro e quindi sarebbero poco appetibili per il consumatore ormai abituato, o forse potremmo dire ingannato, a trovare insaccati rosa.
I nitriti, in ambiente acidi e quindi nello stomaco i cui succhi gastrici hanno una elevata acidità, si trasformano in acido nitroso il quale legandosi alle ammine da origine alle nitrosammine, composti dimostratisi cancerogeni. Inoltre si legano all’emoglobina ossidandola con conseguente riduzione del trasporto di ossigeno ai tessuti, circostanza pericolosa in caso di gravidanza in quanto anche il feto avrebbe un apporto di ossigeno ridotto.

spinaci

Gli spinaci sono ricchi di nitriti

In natura i nitriti sono presenti in alcuni prodotti di origine vegetale quali le bietole, il sedano le rape e gli spinaci ma, e come al solito la natura ci da una mano senza  che noi il più delle volte ce ne rendiamo conto, queste verdure sono anche ricche di vitamina C che scongiura il pericolo che essi vengano trasformati in nitrosammine, sostanza cancerogena.
A parte quindi una eccessiva presenza di nitriti che potrebbe comunque essere ricondotta al consumo di alimenti addizionati con nitriti, la presenza significativa di nitriti nelle urine indica che si è in presenza di una infezione urinaria in quanto molti batteri  (Escherichia Coli, Aerobacter, Klebsielle, Pseudomonas, Enterococchi, Stafilococchi e altri) hanno la capacità di convertire i nitrati in nitriti.

Perché  il test urinario, specificatamente quello che dovrebbe determinare la presenza o meno dei nitriti, si aattendibile è necessario raccogliere le urine di prima mattina in modo che abbiano sostato a lungo nella vescica dando la possibilità quindi ai batteri di metabolizzare i nitriti, scartando le prime emesse e raccogliendo quelle di metà flusso. Va detto che per avere un test significativo, e necessario aver assunto alimenti con buone quantità di nitrati altrimenti, in loro assenza, i batteri non potrebbero completare la metabolizzazione trasformandoli in nitriti e, di conseguenza, si avrebbe un falso negativo.
Per avere un test significativo, oltre alla rilevazione di nitriti, deve essere effettuata anche una valutazione della presenza di eventuali leucociti urinari in quanto la concomitante presenza dei due andrebbe a significare che è molto probabile la presenza di un’infezione urinaria in corso.

salumi

Evitare i salumi addizionati con nitriti

Si dovrà quindi passare all’esame microbiologico, urinocoltura,  che consentirà di confermare la presenza di batteri nell’urina e l’identificazione degli stessi in modo da poter instaurare la corretta terapia che con l’aiuto anche dell’antibiogramma potrà essere fatta con l’antibiotico più indicato.
Oltre che dalla presenza di nitriti nelle urine, la presenza di una infezione urinaria è segnalata anche da una sintomatologia abbastanza significativa quale necessità di urinare spesso, bruciore durante la minzione, urine torbide e dall’odore pungente, dolori al basso ventre e ai reni, febbre, sudorazione e dolore durante i rapporti.
Quindi, oltre alla presenza di una situazione patologica per la determinazione della quale bisognerà investigare come detto precedentemente, la presenza dei nitriti nelle urine potrebbe essere anche la causa di una errata alimentazione.

Quindi sarebbe, comunque e sempre, buona norma evitare alimenti con presenze significative di nitriti come additivi, le cui sigle sono E249  e  E250. Non è importante mangiare salumi particolarmente rosa e invitanti dal momento che è il sapore e la qualità che conta, non certo il colore.



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!

Seguici