Questo sito contribuisce
all'audience di

 

7 posti insoliti per fare l’amore

Per trovare dei posti insoliti, basta solo un po’ di fantasia o saper cogliere l’attimo propizio nel momento in cui questo si dovesse presentare.

di Daniele Lisi

10 Maggio 2013





In macchinaFare l’amore in un posto insolito, tanto per rompere il solito tran tran quotidiano, tanto per fare qualcosa di diverso, di più eccitante, qualcosa che nonna abbia a che fare con la solita routine. È un auspicio di molti, solo che alla fine sono in pochi a fare qualcosa del genere, perché alla fine si è frenati dalla preoccupazione di essere colti sul fatto da occhi indiscreti, anche se ultimamente è capitato che coppie di giovani sono stati beccati anche dalle telecamere in rapporti espliciti anche in piena vista, ma queste sono altre storie, sono delle vere eccezioni.

Per trovare dei posti insoliti, basta solo un po’ di fantasia o, semmai, saper cogliere l’attimo particolare nel momento in cui questo si dovesse presentare. Le situazioni particolari, quelle veramente al di fuori dal comune, sono pressoché infinite, ma basta solo scegliere quelle più stimolanti, anche se in un certo senso quasi normali, senza quindi ricorrere a situazioni quali quelle raccontate sul grande schermo da Carlo Verdone nel suo film “Viaggi di nozze”, quando con la Gerino lo faceva a 200 km all’ora sull’autostrada, mentre guidava, il famoso “lo famo strano”.

Una situazione del genere è decisamente poco raccomandabile, per ovvi motivi, per cui è bene limitarsi a scegliere delle situazioni in un certo senso più normali, anche se insolite, al pari dei luoghi. Vi è anche da considerare che, con i tempi che corrono, scegliere posti appartati è poco conveniente, è decisamente poco sicuro, per cui anche quello che una volta era un classico, come fare l’amore nella 600 di papà, è da considerarsi off limits, da evitare. Meglio in luoghi affollati, l’importante è che possano garantire quel minimo di intimità necessaria a scambiarsi quelle effusioni fuori dal comune.



In spiaggiaEcco quindi, tanto per cominciare, il camerino dei grandi magazzini, quel posto un po’ angusto dove è possibile misurare i capo di abbigliamento che si intendono acquistare. Garantisce una sufficiente intimità e, al tempo stesso, mette al sicuro da brutte sorprese. Il fatto poi di poter fare l’amore, anche si in una evidente condizione non certamente troppo comoda, sapendo che a pochi centimetri di distanza vi sono persone che vanno e vengono e che non si immaginano quel che accade dietro la tenda, potrebbe essere particolarmente eccitante.

Sulla spiaggia, sotto il cielo stellato, sempre che vi siano anche altre coppie che si scambiano effusioni, per evitare di essere del tutto soli, è anche questa una situazione classica, che nel passato era decisamente la norma. Sdraiati sulla battigia, con l’acqua ancora calda della risacca che lambisce i piedi a intervalli regolari, è una sensazione che bisogna provare per poterla apprezzare completamente.

Tanto per restare in ambito marino, in barca, in pieno sole, con il lento dondolio che sembra dettare il ritmo del rapporto, è una situazione decisamente stimolante, più che insolita. Se fa caldo, basta spruzzarsi un po’ per trovare quel refrigerio necessario, che rende ancor più piacevole e intrigante la situazione.

In ufficio, in qualche stanzino dove vengono riposti gli attrezzi o tra le carte dell’archivio, anche se vi è sempre il rischio di essere colti sul fatto da qualche collega, situazione che potrebbe diventare particolarmente imbarazzante se le persone che si stanno scambiando effusioni hanno dei legami matrimoniali che in quel momento stanno, di fatto, tradendo. Ma si sa, se non vi è altro modo e In Ufficiose la passione è travolgente, si può e forse si deve correre il rischio.

In una sauna, al caldo, fin troppo caldo probabilmente, per cui l’impegno potrebbe essere decisamente condizionato, anche se la situazione promette di essere decisamente interessante. Infine al cinema, al buio della sala, cercando di non attirare l’attenzione, e limitandosi, necessariamente, ad un contatto un po’ soft, niente di particolarmente travolgente, perché altrimenti si correrebbe il rischio di distogliere l’attenzione degli spettatori dal film.

Leggi anche

Seguici