Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Lo sport e i rischi correlati

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Lo sport fa veramente bene alla salute, ma vi sono dei rischi correlati che bisogna conoscere per poterli evitare. Stiamo parlando di sport amatoriale e non agonistico, quindi non sottoposto ad una serie continua di allenamenti intensi e ripetuti che sono necessari per poter ottenere delle performance ...

di Daniele Lisi

21 Gennaio 2011





joggingLo sport fa veramente bene alla salute, ma vi sono dei rischi correlati che bisogna conoscere per poterli evitare.
Stiamo parlando di sport amatoriale e non agonistico, quindi non sottoposto ad una serie continua di allenamenti intensi e ripetuti che sono necessari per poter ottenere delle performance di buon livello.
Potremmo definire lo sport amatoriale anche molto semplicemente attività fisica che, ormai è universalmente riconosciuto, riduce il rischio di contrarre una  serie di patologie che trovano terreno fertile anche nella vita sedentaria.
L’attività fisica fa bene all’organismo e per attività fisica si intende non solo una qualunque pratica sportiva, ma anche tutte quelle attività, non legate alla sedia, alla poltrona o al sedile della macchina, che ciascun individuo esplica regolarmente durante la giornata.

Camminare, salire e scendere le scale, andare a fare la spesa, portare il cane a fare la pipì o semplicemente a spasso, andare in giro in città per negozi, sono tutte attività fisiche che interrompono la nostra vita sedentaria.
Prima dell’avvento della Pay TV si andava allo stadio per vedere la partita e questo presupponeva, oltre ad una buona dose di arrabbiature per il traffico, comunque una certa attività fisica in quanto certamente non era possibile fermare la propria automobile direttamente sotto le gradinate dello stadio. Oggi, invece, la partita la vediamo tranquillamente in TV, comodamente spaparanzati  in poltrona e, semmai, con un piatto di patatine o altri snack tanto per tenerci  occupati.

Tornando allo sport, bisogna considerare che un soggetto  che passa la giornata tra il PC e al massimo la fotocopiatrice, comodamente seduto su di una sedia rigorosamente ergonomica, non può mica pretendere di alzarsi il sabato e la domenica mattina, imbacuccarsi, e andare a fare footing o jogging per 1 ora almeno senza una certa preparazione.  Uno sforzo del genere, seppur di basso livello e con un impegno di pompa cardiaca relativo, potrebbe essere  pericoloso, soprattutto se si è anche un po’ in sovrappeso.

jogging

Lo jogging, attività fisica dai molteplici benefici

Lo sforzo va modulato e fatto  regolarmente tutti i giorni, e non solo due volte a settimana. Bisogna cominciare con 15-20 minuti i primi due giorni per poi incrementare di 5 minuti ogni 2 giorni fino a raggiungere il tempo che ci si era prefissato.



Va da se che chi vuole fare una simile attività fisica, deve prima fare una visita di controllo generale ed almeno un elettrocardiogramma da sforzo per  evitare di andare incontro a guai. Del resto va ricordato che l’ideatore dello jogging, lo statunitense James F. Fixx, morì a 52 anni di infarto fulminante proprio dopo la sua corsa quotidiana e questo a causa delle pessime condizioni delle sue coronarie affette da aterosclerosi.
Quindi, se si vuole fare una attività fisica che sia un po’ più impegnativa di una semplice passeggiata, è necessario fare una serie di accertamenti per essere sicuri che non esistano controindicazioni.

Partendo da questo presupposto, si ricorda che il camminare a passo svelto o lo jogging fa bene al cuore in quanto aiuta a smaltire  il colesterolo cattivo, l’LDL, e fa salire quello buono, l’HDL. Inoltre rafforza la capacità della pompa cardiaca ed è quindi un toccasana per tutto il sistema cardiovascolare.
Questo vale per tutte le attività che impegnino mediamente il muscolo cardiaco e che non richiedono sforzi intensi e prolungati. In quel caso, gli esami da fare per poterli affrontare consapevolmente e senza rischi, sono altri.
Una leggera attività fisica riduce i rischi di cancro all’intestino e al colon, di osteoporosi, di ipertensione, depressione, stress, insonnia e peso eccessivo.

bici

Anche andare in bicicletta fa bene

I vantaggi che si possono ottenere svolgendo una certa attività fisica sono molteplici e qui ricordiamo, oltre a quelli legati al colesterolo che abbiamo già citato, una diminuzione della pressione arteriosa, diminuzione di rischi di lesioni ortopediche, diminuzione del grasso corporeo, miglioramento dell’efficienza di cuore e polmoni, miglioramento della motilità e regolarità intestinale,  controllo e prevenzione dello sviluppo del diabete (non quello congenito o di origine genetico bensì quello legato all’età),  aumento dei livelli energetici e aumento della tolleranza allo stress e alla depressione.

Tutti questi benefici, e non sono pochi se si considera che si possono ottenere con una attività media giornaliera, oltretutto piacevole, di un’oretta circa, dovrebbero indurre tutti a prendere in seria considerazione l’eventualità di dedicare un po’ del proprio tempo alla cura di se stessi.

Leggi anche

Seguici