Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come accelerare il metabolismo e dimagrire

Bisogna essere chiari su una cosa: non esiste la pilloletta magica i grado di risvegliare un metabolismo assopito.

di Daniele Lisi

29 Aprile 2013





MetabolismoCercare di accelerare il metabolismo, ad una certa età, diventa una esigenza irrinunciabile in quanto con il trascorrere degli anni, il suo rallentamento è quasi inevitabile. A partire più o meno dai 35 anni di età, la sua decadenza sarà continua tanto che si calcola che ogni 5 anni il suo rallentamento sarà del 5% o giù di li. È evidente quindi che, a 60 anni suonati, le cose non saranno più come una volta e la prima conseguenza, oltre tutto evidente, è che se si continuerà ad assumere le stesse calorie che  si consumavano in gioventù, si perderà in breve tempo il controllo del peso corporeo. Quindi, per evitare che ciò possa accadere si dovrà inevitabilmente mangiare di meno o, in alternativa, adottare alcuni accorgimenti in grado di dare una sveglia al metabolismo anche se, e su questo inutile illudersi,  questi non riuscirà mai a raggiungere i fasti di un tempo. Bisogna in linea di  massima farsene una ragione e adattarsi alla nuova condizione, anche se è possibile, con qualche piccolo accorgimento, limitare i danni.

Bisogna essere chiari su una cosa: non esiste la pilloletta magica in grado di risvegliare un metabolismo assopito.  Per renderlo più pimpante è necessario innanzi tutto accrescere la domanda di energia da parte dell’organismo, in modo da aumentare il dispendio energetico il che corrisponde ad un maggior consumo di calorie, cosa che eviterà, o meglio, limiterà la possibilità  che queste possano trasformarsi in grassi di deposito. Sembra una cosa semplice, ma poi tanto non lo è. Infatti  occorreranno impegno e costanza per mantenere o per accrescere la massa muscolare che, come ormai tuti sanno, consuma molta più energia della massa grassa, anche a riposo.



JoggingLa prima mossa consiste quindi nell’impegnarsi in un certa attività fisica che deve coniugare gli esercizi aerobici o cardiovascolari e quelli dedicati al consolidamento della massa muscolare. Quindi marcia, corsa, cyclette, nuoto o anche il salto della corda, tutte attività fisiche di tipo aerobico che contribuiranno a far perdere peso, attività che devono essere praticate tutti i giorni per almeno 30-40 minuti. Ovviamente, coloro che facevano una vita sedentaria, i pigri di professione,  dovranno iniziare per gradi perché è decisamente improbabile, oltre che pericoloso, riuscire a fare jogging per 40 minuti di punto in bianco. Si potrà cominciare con la camminata veloce e, man mano che si acquisirà un po’ di forma fisica, passare alla corsa.

Questa attività fisica, oltre a fare perdere peso e a migliorare il metabolismo, contribuirà non poco al benesser5e dell’organiamo in quanto migliora e regolarizza il ritmo cardiaco, regola la pressione, migliora la capacità di pompa, previene il diabete, contribuisce a migliorare la regolarità intestinale e tanto altro ancora. A questi esercizi, come detto precedentemente, è necessario abbinare alcuni esercizi per tonificare la massa muscolare, gli addominali, le braccia, le gambe, un po’ tutto l’organismo. Si tratta di esercizi da fare comodamente in casa, senza la necessità di sobbarcarsi una spesa aggiuntiva per la palestra, cui dedicare almeno 10-15 minuti per 3-4 giorni a settimana.

Flessioni, pesi, squat e tanti altri esercizi, per nulla faticosi, ma in grado di rimettere a nuovo l’organismo e di dare la sveglia al metabolismo. Anche il sonno è importante. Infatti, una recente ricerca dell’University of Chicago ha dimostrato che una cattiva qualità del sonno è in grado di rallentare il metabolismo, mentre un sonno regolare ha l’effetto  diametralmente opposto.

Bere caffè e tè aiuta a Caffèmantenere alto il metabolismo, grazie alla caffeina in contenuta nelle due bevande. Ovviamente non bisogna esagerare altrimenti si otterrebbe l’effetto contrario indotto da una cattiva qualità del sonno. Va anche detto, però, che con il passare del tempo, solitamente qualche mese, l’organismo si abitua alla caffeina  riducendo i suoi effetti sul metabolismo. Anche il peperoncino è un ottimo accelerante, per cui un suo uso abituale non potrà che migliorare la situazione.

Leggi anche

Seguici