Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Che sport fare per prevenire l’infarto?

Lo sport previene l'infarto? Lo sapevi?

di Redazione

18 Aprile 2013





Medici e specialisti hanno da sempre evidenziato l’importanza di praticare sport per prevenire il rischio di patologie cardiocircolatorie. Per la prevenzione dell’ictus si  raccomandano minimo 150 minuti di allenamento alla settimana; in questo modo si riesce a diminuire la possibilità di accusare malattie cardiovascolari dal 32 al 55%.

Secondo una recente ricerca condotta in Canada, al Montreal heart institute, esistono degli allenamenti che aiutano maggiormente, rispetto ad altri, a prevenire l’infarto. Per determinare questa speciale lista i ricercatori hanno approfondito gli effetti dei vari sport a livello dell’apparato cardiocircolatorio.

I risultati hanno dimostrato che, l’allenamento da preferire è quello in acqua in quanto l’acqua agevola i movimenti e fa sì che il corpo non subisca controindicazioni come per esempio gli effetti dovuti all’affaticamento. In acqua, è possibile praticare nuoto ,sport molto benefico e specifico in questo senso. Altri sport come per esempio la bicicletta,  e la cyclette costituiscono un ottimo modo per prevenire le malattie circolatorie.



In realtà anche le camminate e la corsa sono benefiche ma potrebbero procurare alcuni problemi legati all’eventuale presenza di artrite o causati da un peso corporeo eccessivo. Questi problemi, in acqua, vengono meno e quindi il nostro organismo è in grado di assorbire soltanto gli aspetti positivi del movimento.

La ricerca canadese, ha dimostrato che lo sport praticato nell’acqua è utile anche per i pazienti che hanno anche altri problemi di salute;  è poi emerso che l’acqua favorisce non solo la salute del cuore ma anche quella dell’apparato respiratorio. Sono stati analizzati due gruppi di pazienti i cui parametri sono stati studiati durante gli allenamenti; un gruppo ha praticato sport in acqua mentre, un secondo gruppo ha svolto attività fisica all’asciutto. I ricercatori hanno così potuto evidenziare che mentre per ciò che concerne il consumo di ossigeno i risultati sono identici, la differenza più importante è quella  sull’apparato cardiocircolatorio. Infatti, l’acqua con la sua pressione favorisce la circolazione del sangue verso il cuore e quindi apporta maggiori benefici.

Leggi anche

Seguici