Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il bambino con 31 dita

Li Jinpeng è un bimbo che aveva 31 dita tra mani e piedi, talmente tante da entrare nel Guinness dei primati

di Valeria Bonora

17 Marzo 2013





Il bambino era nel Guinness dei primati nel 2010 prima di essere operato perchè aveva 31 dita, 15 nelle mani e 16 nei piedi.

La storia di Li Jinpeng trova un po’ di normalità nel 23 Marzo del 2010 quando un’equipe medica dell’ospedale Shengjing nella città di Shenyang, a nord est della Cina, decide di operarlo. L’intervento è stato difficile e laborioso, ma Li l’ha superato perfettamente ed ora vive una vita normale.

Il delicato intervento chirurgico durò oltre cinque ore, il team chirurgico fu guidato da Tian Lijie, direttore della microchirurgia presso l’Ospedale Shengjing.



Il professore spiegò che “Le funzioni delle dita del ragazzo non saranno interessate e sarà in grado di vivere una vita normale” e poi parlando dell’intervento aggiunse: “Un paio di ore sono servite solo per tagliare i fasci neurovascolari, l’intervento poi è stato completato con piccole pinze microcircolari. Dopo una buona riabilitazione, Li, svolgerà le azioni di un normale bambino della sua età”.

I genitori di  Li spiegarono che nessun membro delle loro famiglie, era mai nato con una simile deformazione fisica, e la mamma Liu disse: ”Siamo rimasti sbalorditi ovviamente, quando alla nascita di Li ci è stata comunicata l’anomalia dei suoi organi” inoltre dovevano anche fare i conti con l’imbarazzo nel mostrare al pubblico la malformazione del figlio. Anche a scuola Li non era mai andato sempre per la gente che “lo guardava in modo strano“.

Le dita dei piedi di Li erano sane, sia a livello estetico che a livello osseo. Nelle mani invece, sia a destra che a sinistra, Li aveva 3 dita fuse tra di loro, anche se ogni dito aveva una sua struttura ossea completa.

La sua condizione viene chiamata Polidattilia o Iperdattilia, una malformazione genetica che può presentarsi sotto diverse forme e intensità. Quello di Li però era sicuramente uno dei più gravi casi mai visti, insieme a quello di due bambini indiani Pranamya Menaria e Devendra Harne che sono nati con 25 dita, 13 nei piedi e 12  nelle mani.

Leggi anche

Seguici