Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Stanchezza cronica cosa fare se il riposo non basta?

La stanchezza cronica è una condizione che può avere delle ripercussioni significative sulla vita di coloro che ne soffrono.

di Daniele Lisi

26 Febbraio 2013

Stanchezza cronicaLa stanchezza  cronica è una condizione che può  avere delle ripercussioni significative sulla vita di coloro che ne soffrono. La stanchezza è una condizione abbastanza normale, che può essere la conseguenza di una serie di situazioni particolari che si vengono a determinare nel corso della giornata o della notte. Riposo insufficiente, sonno agitato e quindi non corroborante, periodi di intenso lavoro o di studio, stress, preoccupazioni, sono tutte situazioni che determinano un senso di stanchezza che, solitamente, si supera semplicemente con un po’ di riposo. Basta rilassarsi, dormire qualche ora più del solito, cercare un modo piacevole per  dimenticarsi per un po’ di tempo dei problemi che ci assillano, e si ritorna nuovamente in perfetta forma, pronti ad affrontare nuovamente  la vita di tutti i giorni.

Tuttavia, vi sono condizioni in cui una semplice dormitina non è sufficiente,  periodi in cui il senso di spossatezza è talmente intenso da non passare con un po’ di riposo. In questo caso ci si potrebbe trovare al cospetto di un segnale d’allarme lanciato dall’organismo che chiede aiuto e lo fa in  modo abbastanza evidente. La stanchezza, in questo caso, potrebbe essere la manifestazione di qualche altro problema fisico, o anche psicologico, che richiede maggior attenzione per cui è necessario, nel caso questa condizione si dovesse protrarre nel tempo, rivolgersi al proprio medico per cercare di scoprirne la causa.

Le patologie  che possono portare un profondo senso di stanchezza sono diverse, molte di questa anche di una certa gravità e complessità. Si ricordano anemia,  epatite, disfunzioni tiroidee o la presenza di neoformazioni alla tiroide, mononucleosi, senza  poi dimenticare anche patologie ben più serie come la presenza di una neoplasia ancora non diagnosticata. Ma non solo, perché rientrano nelle possibili cause anche la pressione bassa,  disturbi del sonno, intolleranze alimentari di vario genere e tra queste la più importante il morbo celiaco, così come anche altre forme di allergie respiratorie.

StanchezzaÈ  di tutta evidenza che  condizioni del genere necessitino di approfondimenti diagnostici,  il solo modo per venire rapidamente e compiutamente a capo del problema.  Sempre che non vi siano altre patologie alla base della stanchezza cronica, è possibile limitare il problema variando il proprio stile di vita. Innanzi tutto  se la stanchezza è dovuta alla mancanza di riposo, è necessario mettersi nelle condizioni di dormire bene e un numero sufficiente di ore. Può essere d’aiuto  essere più regolari nell’andare a letto, quindi cercare di farlo sempre alla stessa ora, così come è altrettanto importante svegliarsi sempre alla stessa ora.

Rendere la camera da letto il più confortevole possibile,  sufficientemente oscurata in modo da non essere disturbati dal chiarore esterno, soprattutto da quello dell’illuminazione stradale perché, è bene ricordarlo, il ciclo veglia-sonno è regolato dall’orologio circadiano che  è fortemente influenzato dalla luce.   Fare piccoli pasti nel corso della giornata, evitando quindi cene e pranzi particolarmente impegnativi, in modo da mantenere sotto controllo il livello glicemico, anch’esso responsabile di una stanchezza persistente se non compreso nei valori normali. Bere molta acqua perché anche la disidratazione potrebbe essere la causa del senso di stanchezza diffusa.

Nel caso questi piccoli accorgimenti non dovessero essere sufficienti a risolvere  o quanto meno ridurre il problema, è possibile ricorrere a qualche rimedio fitoterapico come, ad esempio, il ginsen che, almeno negli uomini, aiuta a migliorare la Una bella dormitavigilanza e lo stato di benessere psicofisico generale, soprattutto poi se assunto nel periodo autunnale perché è in grado di rinforzare sufficientemente l’organismo in vista dell’arrivo dell’inverno.
Naturalmente bisogna fare anche attenzione a che la dieta sia sufficientemente ricca di proteine, Sali minerali e vitamine. Tra queste molto importanti sono le vitamine del gruppo B, e se quelle assunte con l’alimentazione dovessero risultare insufficienti, è possibile ricorrere anche a degli integratori, con particolare riferimento alla vitamina B6.



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!

Seguici