Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Colpo della strega, ecco come prevenirlo

Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con un dolore intenso, talvolta lancinante, localizzato a livello lombare dovuto ad violenta contrattura muscolare che si verifica in seguito a uno sforzo eccessivo o troppo veloce. I muscoli dolenti ed eccessivamente contratti non riescono a distendersi ed ...

di Ilaria

27 Febbraio 2013

Il colpo della strega è un episodio di lombalgia acuta che si manifesta con un dolore intenso, talvolta lancinante, localizzato a livello lombare dovuto ad violenta contrattura muscolare che si verifica in seguito a uno sforzo eccessivo o troppo veloce.

I muscoli dolenti ed eccessivamente contratti non riescono a distendersi ed il soggetto colpito tende a rimanere piegato e a cercare appoggio. La posizione supina tenuta per ore provoca un rilassamento della muscolatura e permette la riduzione del dolore, per il quale servono almeno tre giorni per una attenuazione e molti di più per la totale guarigione. Al contrario di quanto si immagina, la categoria più colpita dal colpo della strega è quella dei trentenni e quarantenni, infatti gli anziani raramente soffrono di questo problema

L’origine del problema, quasi sempre, sta in uno sforzo fisico eccessivo e raramente a colpi di freddo. Il colpo della strega non è altro che un irritazione o compressione dei “nervi spinali”, radici nervose che controllano muscoli, organi addominali e arti inferiori. Il dolore che ne deriva induce i muscoli tutti intorno a contrarsi ulteriormente, impedendo ogni altro possibile movimento.

Di solito si ricorre ad antidolorifici, che purtroppo intervengono solo sul dolore e non sul disturbo vero e proprio. A differenza di quanto si possa pensare, il riposo assoluto non è la soluzione migliore infatti è meglio rimettersi in moto gradualmente senza mai sforzare, per consentire alla muscolatura contratta di rilassarsi naturalmente.

Ora elenchiamo alcune situazioni che espongono al colpo della strega:

posture asimmetriche, ad esempio caricando tutte le buste della spesa su un unico braccio, infatti è meglio distribuire i pesi in modo equilibrato.

mai spingere grossi oggetti, facendo forza solo sulle braccia è di certo meglio appoggiarci contro la schiena e sfruttate la forza delle gambe.

non restate mai seduti troppo a lungo, è meglio alzarsi ogni due ore e fare due passi, la colonna vertebrale ritroverà da sola il proprio equilibrio.

Seguici