Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Perde naso per un tumore, viene fatto ricrescere sull’avambraccio del paziente

Uno stampo 3D, cellule staminali e un palloncino sottocutaneo: l'innovativa tecnica che permetterà ad un uomo di riavere il suo naso, rimosso a causa di un tumore

di Raffaela

26 Gennaio 2013





Grazie ad una straordinaria tecnica di chirurgia plastica, un paziente riavrà il suo naso, perso a causa di un tumore della pelle. Non una protesi, ma il suo vero naso con tanto di deviazione verso sinistra, come espressamente chiesto dall’uomo 56enne.

Per ricostruirlo i medici dell’University College di Londra, guidati da Alex Seifalian, hanno operato in modo unico, perché per la prima volta un organo viene riprodotto partendo da zero. La prima cosa che si è fatta è stata quella di avvalersi di fotografie del passato e di  un sofisticato programma 3D grazie al quale ottenere un calco in vetro del naso originale del paziente.



Tecnica impiegata dall'equipe medica guidata da Alex Seifalian

Su questo calco è stato poi spruzzato un materiale sintetico a nido d’ape, sul quale sono state impiantate cellule staminali provenienti dal midollo dell’uomo.

Per accelerare la riproduzione di queste cellule, il tutto è stato messo in un particolare apparecchio, denominato bioreattore. Grazie poi a delle specifiche sostanze nutritive introdotte dagli scienziati, si è favorita la trasformazioni delle cellule staminali in cartilagine nasale.

Nel frattempo, sotto la cute dell’avambraccio del paziente, è stato posto un palloncino avente le stesse dimensioni del naso da ricostruire. Circa due mesi fa, il palloncino è stato sostituito dal calco del naso con cellule staminali.

In questo modo, le cellule si sono connesse alla circolazione sanguigna, il calco si è ricoperto di cellule cutanee e si sono create le prime connessioni nervose. Appena tutto sarà pronto, il naso verrà estratto dall’avambraccio ed il paziente verrà operato.

I medici assicurano che resteranno cicatrici, né sul viso, né sull’avambraccio. Inoltre, il paziente “dopo qualche tempo potrà riprendere a respirare normalmente e anche a sentire gli odori

Fonte foto numero 2: http://www.dailymail.co.uk

Leggi anche

Seguici