Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Sotto le lenzuola, le regole da seguire

E’ opinione generale che tutto debba essere improntato alla spontaneità, ma così non è, perchè in alcuni momenti potrebbe risultare fatale.

di Daniele Lisi

28 Dicembre 2012





A lettoSotto le lenzuola, vi sono delle regole da seguire, anche se non scritte, ma tacitamente riconosciute un po’ da tutti. Potrebbe sembrare strano ma è effettivamente così.  Ma non si creda che si tratti di una sorta di decalogo di comportamento a letto, bensì di una serie di considerazione che, anche se ai più potranno risultare del tutto ovvie e quindi superflue, per altri, soprattutto per  chi è alle prime esperienze,  potranno invece rivelarsi molto utili. E’ opinione generale che tutto debba essere improntato alla spontaneità, ma così non è, perché potrebbe, nel bel mezzo del preliminare, scappare qualche parola, qualche espressione o anche solo un sospiro di troppo, che potrebbero avere l’effetto di una doccia gelata, e si sa che una cosa del genere è da considerarsi una catastrofe sessuale.

Una ricerca dell’Università di Las Vegas di qualche tempo fa ha scoperto che le donne, durante i preliminari, sono inclini più degli uomini, ben l’11% in più, a pensare a tutt’altra cosa, a distrarsi in pratica, e questo ovviamente potrebbe far si che si possano avere atteggiamenti o dire parole  del tutto fuori luogo. Una distrazione del genere, o meglio,  la percezione da parte del partner che la donna oggetto delle sue attenzioni possa in quel momento pensare semmai a cosa cucinare il giorno dopo piuttosto che a cosa indossare per una determinata occasione, potrebbe causare il crollo del desiderio, della libido e, si sa, che farla rimontare nuovamente dopo un simile colpo potrebbe risultare complicato, oltre che a richiedere un certo tempo.



A lettoQuindi la spontaneità è buona fino ad un certo punto, perché potrebbe causare dei danni, come ad esempio affibbiare dei nomignoli al gioiello di famiglia di lui. La cosa potrebbe essere scambiata per  un modo come un altro per sminuirlo, anche se in effetti potrebbe essere un vezzeggiativo, un nomignolo affettuoso.
Trascurare l’igiene intima, per esempio, anche se ovviamente è una cosa che in pochi farebbero, è da evitare assolutamente. Può capitare di essere travolti dalla passione e di farsi trovare impreparati dopo una giornata di lavoro, soprattutto in estate, tra una corsa e l’altra, tra una sudata e l’altra, per cui bisogna sempre mettere il freno a prendersi il tempo necessario per rimettersi in ordine, attenzione che verrà sicuramente apprezzata dal partner.

Affidarsi al solo sesso di ordinanza, per così dire, non è la strada giusta, perché questa porta alla fine all’assuefazione, alla monotonia, a rivedere sempre lo stesso film visto e rivisto, e sempre con gli stessi  interpreti. In questo caso la fantasia e la spontaneità sono decisamente i benvenuti, sono quel pizzico di pepe che consente  di andare a tutta birra senza problemi, senza il rischio di fare cilecca o di distrarsi, perché esplorare nuove vie, nuove sensazioni, non può che far bene al rapporto.  Imparare a conoscersi, anche a capire quali sono le esigenze e le preferenze del partner è fondamentale per avere un rapporto di soddisfazione reciproca, per essere in perfetta sintonia.

Un’altra cosa da evitare è il buio, fare l’amore nella completa oscurità. Si tratta in sostanza di un rapporto mutilato di una sua parte essenziale, perché come si suole dire in tante A lettooccasioni, anche l’occhio vuole la sua parte. Non è una semplice frase fatta, è la realtà. L’uomo, in particolare, si eccita anche nel vedere la sua partner,  cosa che non avviene semplicemente tastandola al buio, cercando di trovare l’uscio di casa a tentoni, senza poter dare una sbirciata dal buco della serratura. Potrà andar bene come eccezione, una volta tanto, ma nella quotidianità è una cosa da evitare.
Come si vede, non si tratta di regole particolari, ma semplicemente di qualche suggerimento, forse superfluo, ma pur sempre valido soprattutto per i partner di primo pelo.

Leggi anche

Seguici