Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come prevenire il raffreddore

Il raffreddore è causato da una nutrita truppa di virus, circa 250 ceppi diversi, che trovano le condizioni ideali per infiltrarsi nelle difese immunitarie grazie alle escursioni termiche.

di Daniele Lisi

26 Dicembre 2012





RaffreddorePrevenire il raffreddore, il malanno di stagione che comincia a farsi sentire sin dai primi di settembre, è il modo migliore per evitare naso chiuso, starnuti e tutte quelle altre manifestazioni fastidiose che lo accompagnano. Spesso, infatti, il raffreddore è accompagnato anche da mal di testa e qualche linea di febbre, poco  significativa di per sé, che tuttavia potrebbe essere anche foriera di altri acciacchi, ben più seri, se la si trascura. Una sudata in una giornata ventosa potrebbe infatti anche esporre ad una bronchite, patologia dalla quale è sempre bene tenersi alla larga.

Il raffreddore è causato da una nutrita truppa di virus, circa 250 ceppi diversi, che trovano le condizioni ideali per infiltrarsi nelle difese immunitarie grazie alle escursioni termiche tipiche dei primi giorni di autunno. Se poi capita una stagione anomala come quella  attuale, il raffreddore avrà modo di diffondersi con estrema rapidità, colpendo in particolar modo le persone con le difese immunitarie non proprio in gran forma. Il contagio è  semplicissimo, e avviene attraverso le goccioline di saliva sparate dei soggetti raffreddati  con lo starnuto, goccioline che viaggiano anche a 150 km l’ora e sono in grado di coprire una distanza anche di 6 metri o giù di lì.

Il modo migliore per contrastare un raffreddore è la prevenzione, per cui per agrumiprima cosa, quando possibile, è meglio evitare  i luoghi affollati, cosa che al giorno d’oggi è alquanto problematico. L’igiene personale e, in particolar modo, il lavarsi le mani spesso, è già di per sé un buon modo per prevenire il contagio, tuttavia la cosa più importante da fare è quella di  rinforzare le difese immunitarie, in modo da mettere l’organismo in  condizione di affrontare con successo l’attacco dei virus responsabili delle malattie da raffreddamento.



Qui entra il gioco l’alimentazione che deve essere ricca di frutta e verdura, in modo da assumere quelle vitamine, Sali minerali, flavonoidi, e antiossidanti  indispensabili a rendere il sistema immunitario più efficiente. Quindi, i primi alimenti da prendere in considerazione sono quelli ricchi di betacarotene, precursore della vitamina A che è in grado di mantenere sana la mucosa delle vie respiratorie, sostanza contenuta tra l’altro nelle patate, zucca, carote, pomodori, spinaci, broccoli e cime di rapa.
La vitamina B è invece indispensabile per una perfetta efficienza del sistema immunitario e per la produzione di anticorpi, la prima linea di difesa in caso di attacco da parte di agenti patogeni, ed è contenuta nel tuorlo d’uovo, lievito di birra, latte, soia, germe di grano, riso integrale, fagioli, lenticchie, nocciole, mandorle e cavolo.

La vitamina C, da sempre raccomandata come una perfetta alleata per combattere e stroncare il raffreddore ancor prima della comparse delle prime avvisaglie. E’ contenuta, come tutti sanno, negli agrumi, ma anche nel kiwi, ananas, peperoni, pomodori, cavolfiori, broccoli e in alcune insalate verdi a foglia come lattuga e radicchio.
La vitamina D, altra alleata da non trascurare nella prevenzione contro il raffreddore, contenuta nelle mandorle, noci, frutta secca in genere, sesamo, olio di germe di grano, oli di girasole, olio d’oliva, cereali, latte, salmone e tonno.

Un altro consiglio utile per evitare di contrarre il raffreddore è quello di non fumare, cosa che andrebbe fatta in ogni caso, perché il fumo rende inerti le ciglia poste lungo le pareti delle vie respiratorie e deputate alla Alimenti ricchi di betacarotenerimozione dei corpi estranei, quindi anche del catarro che, se non eliminato regolarmente, si deposita e diventa un perfetto letto di coltura per un gran numero di batteri. Bisogna ricordarsi che una condizione del genere è l’anticamera per delle patologie ben più serie e pericolose, come la famigerata BPCO, Bronco Patia Cronica Ostruttiva, che può avere degli effetti devastanti.
Infine, evitare gli sbalzi di temperatura rappresentati da escursioni termiche severe e repentine, che rappresentano uno stress per il sistema immunitario.

Leggi anche

Seguici