Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Formicolio mani e gambe, cause e rimedi

Chi non ha mai provato quello strano senso di formicolio alle mani o ai piedi? La circolazione sanguigna può giocare brutti scheri

di Redazione

21 Novembre 2012





Il formicolio alle mani e ai piedi può essere un fatto passeggero, ma se si protrae per più tempo è necessario rivolgersi al proprio medico di famiglia; oltre a riportare i sintomi, è importante sottolineare se si tratta di un problema che si ripete periodicamente. Infatti, in quest’ultimo caso potrebbe trattarsi di un sintomo legato alla cattiva circolazione venosa.

Ci sono casi veramente gravi in cui il formicolio si accompagna a incontinenza, difficoltà dell’eloquio, incoscienza o delirio. Alla presenza di questi episodi bisogna chiamare al più presto un’ambulanza, perché il paziente sia trasportato in ospedale. In alcuni casi, il formicolio è la manifestazione della sclerosi multipla che porta ad accusare problemi motori ma anche episodi di formicolio agli arti superiori.

Alla base del formicolio ci sono anche altre cause, riconducibili alla compressione di nervi, ad alcune specifiche infezioni, a traumi come una lesione al carico del collo o della schiena, oppure alla sindrome del tunnel carpale. Inoltre, può derivare da problemi della tiroide, dall’abuso di alcol e da infiammazioni specifiche.



Gli esami specialistici ai quali si ricorre con maggior frequenza, per risolvere questo problema sono la TAC, le radiografie, l’elettromiografia e la risonanza magnetica.

Il formicolio può essere anche causato da una dieta sbagliata e quindi da una carenza di vitamine e minerali oppure dal diabete; il medico specialista può prescrivere degli integratori vitaminici, mentre nel caso del diabete si procede con il controllo dei livelli di glicemia.

Se invece, il fastidio è causato da la compressione di un nervo, come accade per la lombalgia, si suggeriscono al paziente alcuni esercizi ed uno stile di vita adeguato. Per tenere sotto controllo il formicolio, bisogna svolgere una vita attiva, controllare il proprio peso corporeo ed alimentarsi in maniera varia ed equilibrata. Inoltre, è bene ridurre, il consumo di alcool e di sigarette.

La cura, in genere, si basa sulla somministrazione di sedute di ionoforesi, infiltrazioni o di farmaci neurotrofici; inoltre, è possibile intervenire per via chirurgica.

Leggi anche

Seguici