Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Bruciore di stomaco, ecco i rimedi naturali

Nella maggior parte ei casi il bruciore di stomaco è legato ad una cattiva alimentazione.

di Daniele Lisi

09 Novembre 2012





bruciore di stomacoBruciore di stomaco, tante possono essere le cause, molte  del tutto banali,  e in questo caso alcuni rimedi naturali possono risolvere il problema.  Nella maggior parte ei casi il bruciore di stomaco è legato ad una cattiva alimentazione, che spesso  è a base di fritti, snack di varia natura, troppa caffeina e bibite gassate,   ma anche il fumo di sigaretta ha le sue brave colpe.

Per prima cosa, quindi, è necessario capire quali possono essere gli alimenti, tra quelli  che si consumano solitamente, che determinano il  problema allo stomaco e , una volta individuati, eliminarli senza esitazioni.

Altra causa scatenante è lo stress che procura un aumento della secrezione gastrica anche a stomaco vuoto e questa,  a lungo andare, può danneggiare la mucosa che protegge le pareti dello stomaco aggravando la situazione; è un po’ come se lo stomaco digerisse se stesso.

E’ necessario cercare di tenere sotto controllo lo stress e, inoltre, se ci si rende conto  potrebbe essere proprio lo stress a creare problemi, bisogna evitare di restare con lo stomaco vuoto, quindi in questo caso è consigliabile mangiare poco e spesso.

Tazza di téSe anche dopo aver fatto piazza pulita dei principali colpevoli e aver risolto la condizione di stress  il problema dovesse ripresentarsi occasionalmente, è possibile ricorre a dei rimedi naturali  che sono in grado di contrastare il bruciore di stomaco in maniera efficace.

Alcuni frutti sono ricchi di enzimi, vitamine e minerali e contrastano efficacemente il problema, come ad esempio la banana, ma anche un altro frutto  utilizzato molto raramente, ma che invece sarebbe meglio consumare più spesso: la papaia. Lo zenzero, aggiunto ad alcune pietanze, aiuta a calmare lo stomaco e, inoltre, la liquerizia, uno dei rimedi tradizionali della medicina cinese molto efficaci, solo che deve essere evitata da chi ha problemi cardiaci o di ipertensione.

Il tè, che pur essendo un eccitante,  è in grado di rilassare la muscolatura gastrica e quindi di contrastare il bruciore di stomaco, così come la camomilla che, essendo ricca di calcio, è in grado di ridurre la secrezione gastrica.



Ancora, l’infuso di finocchio aiuta notevolmente a ridurre il bruciore di stomaco, oltre al classico bicarbonato di sodio da sciogliere in acquua.
UlceraTutti rimedi naturali, ma ve ne sono anche altri, per contrastare efficacemente il bruciore di stomaco, quando si tratta di un evento occasionale, legato per lo più a un momento di stress o all’alimentazione non proprio corretta. Si potrebbe ricorrere anche ad alcuni farmaci, ma è sempre meglio farlo dietro prescrizione medica, perché l’automedicazione non è mai consigliabile.

Se invece il problema è frequente e non si riesce a gestire con questi piccoli rimedi che potremo definire un po’ fai-da-te,  è necessario rivolgersi al proprio medico per Del resto, per togliersi ogni dubbio e per venire a capo dal problema, basta quasi sempre una semplice gastroscopia, esame mediamente invasivo, un po’ fastidioso a dire il vero, ma questo dipende molto dalla sensibilità individuale, da praticare preferibilmente presso una struttura pubblica o una convenzionata.

Infatti,  la causa dei bruciori di stomaco potrebbe essere la presenza di un’ulcera, patologia per la quale un tempo non vi era soluzione, e che poteva portare anche alla morte.

bruciore di stomacoOggi, grazie ai progressi della farmacologia, l’ulcera è  diventata più che altro un fastidio che può risolversi facilmente  con la corretta terapia.

L’ulcera, a sua volta, potrebbe essere determinata da un batterio particolare, l’helicobacter pylori, un batterio che può essere facilmente eliminato nel giro di un mesetto al massimo con una adeguata terapia antibiotica, per cui la soluzione si andrebbe a risolvere definitivamente.
E’ bene ricordarsi che un’ulcera non deve mai essere trascurata,  soprattutto quella sostenuta dall’Helicobacter, perché potrebbe degenerare in qualcosa di molto più pericoloso per la salute.

Leggi anche

Seguici