Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Scoperta la proteina che causa il colesterolo alto

la resistina è la proteina dl colesterolo alto, ecco cosa è e come affrontarla al meglio

di Redazione

31 Ottobre 2012





Una ricerca portata avanti da alcuni scienziati canadesi ha scoperto la resistina come responsabile del colesterolo alto. Si tratta di una proteina elaborata dal tessuto grasso vera responsabile degli alti valori di colesterolo nel sangue.

Il nome stesso resistina indica il suo compito, che è quello di rendere molto difficile il lavoro dell’insulina, la molecola che, a sua volta, regola i livelli di zucchero nel sangue e promuove accumulo di riserve, zuccheri in fegato e muscoli e grassi nel tessuto adiposo.

I nuovi studi sulla resistina sono stati condotti dai ricercatori dell’università di Hamilton e presentati al Canadian cardiovascular congress 2012. Il team ha rilevato che la resistina, secreta dai tessuti adiposi, causa alti livelli di colesterolo ‘cattivo’ aumentando il rischio di patologie che colpiscono l’apparato cardiovascolare e portando ad avere il colesterolo alto.  La resistina è ritenuta dunque la principale causa dell’accumulo delle placche di colesterolo nelle arterie , questo accumulo  è una delle principali cause dello sviluppo di gravi patologie cardiache.



Da tenere presente che questa proteina reagisce alle statine, il farmaco principale in commercio per la riduzione del colesterolo utilizzato nella prevenzione e nel trattamento dei disturbi cardiovascolari e per ristabilire i livelli normali di colesterolo nel sangue. 

Gli studi dimostrano che ben il 40%dei pazienti che assumono le statine non hanno un riscontro nell’abbassamento del colesterolo. La spiegazione di questo problema sarebbe appunto la resisitina che blocca l’azione delle statine e limita il loro potere nell’abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. “La maggiore implicazione dei nostri studi è che i livelli di resistina possono essere la causa dell’incapacità di questi farmaci di abbassare il colesterolo “cattivo”», spiega Rashid. Secondo la studiosa , l’individuazione della resistina, è una scoperta rivoluzionaria perché può portare ad individuare nuovi trattamenti farmacologici utili ad eliminare questa proteina, facilitando quindi il lavoro delle statine.

Leggi anche

Seguici