Questo sito contribuisce
all'audience di

 

I benefici della vitamina D

Le persone che sono esposte quotidianamente ad una sufficiente quantità di luce solare, non necessitano di integratori a base di vitamina D

di Daniele Lisi

20 Ottobre 2012





Vitamina DLa vitamina D è uno di quei composti organici indispensabili all’organismo per il suo corretto funzionamento e, tra l’altro, favorisce l’assorbimento e il metabolismo del calcio e del fosforo. Una sua carenza, infatti, può provocare rachitismo.  Le persone che sono esposte quotidianamente ad una sufficiente quantità di luce solare, non necessitano di integratori a base di vitamina D, in quanto l’organismo riesce a procurarsela da solo in quantità sufficiente grazie al sole.
Esistono 5 forme di vitamina D, la D1, D2, D3, D4, D5, ma le due forme che sembrano avere la maggiore importanza per il corretto funzionamento del corpo umano sono la D2 (ergocalciferolo) e la la D3 (colecalciferolo).

Una recente ricerca condotta dai ricercatori dell’Università del Minnesota ha scoperto che i livelli di vitamina D all’inizio di una dieta a basso contenuto calorico fanno prevedere il successo o meno della dieta stessa, e questo fa ritenere che tale vitamina possa avere un ruolo importante nella perdita di peso.
La vitamina D, negli essere umani,  è ottenuta dall’esposizione al sole, ma anche dall’alimentazione e dall’assunzione di taluni integratori. Si tratta di un composto inizialmente inerte e deve subire due processi di  idrossilazione prima di trasformarsi nella forma attiva di vitamina D, il calcitriolo.

Sistema immunitarioIl calcitriolo, la vitamina D attiva, favorisce l’assorbimento del calcio e del fosforo dal cibo lungo il tratto intestinale oltre al  riassorbimento del calcio a livello renale e questo contribuisce ad aumentare  il flusso di calcio nel sangue. Ciò è fondamentale per la normale mineralizzazione delle ossa e, cosa se vogliamo ancor più importante, come prevenzione contro la tetania ipocalcemica. Questa  è una condizione in cui i bassi livelli di calcio determinano nel paziente che ne soffre  una certa  iperattività dei  riflessi neurologici, spasmi alle mani e ai piedi, crampi e spasmi della laringe. Inoltre, il  calcitriolo svolge un ruolo chiave nel mantenimento di molti organi.



La vitamina D2, che è una di quelle che interessano il normale funzionamento dell’organismo umano, non è prodotta autonomamente, ed  ha la capacità di assorbire le radiazioni ultraviolette che potrebbero danneggiare il DNA, RNA e proteine. Molti studiosi, infatti, ritengono tale proteina una barriera naturale contro le radiazioni ultraviolette.

La vitamina D3 si produce quando l’epidermide è esposta ai raggi del sole. Perché si abbia una produzione sufficiente di vitamina D3 è necessario che ci si esponga al sole per almeno 10-15 minuti, un paio di volte alla settimana,  con braccia, mani, viso e anche schiena, anche se ovviamente d’inverno mettersi con la schiena al sole sarebbe una cosa poco praticabile. Esposizioni più lunghe sono del tutto inutili in quanto  una ulteriore produzione di vitamina D superiore al  naturale fabbisogno si degraderebbe alla stessa velocità in cui viene prodotta.

La vitamina D è essenziale per l’organismo per l’assorbimento e il metabolismo del calcio e fosforo, che hanno numerose  funzioni  e, in particolare, la buona salute dell’apparato scheletrico, quindi le ossa. Inoltre, la vitamina D è un regolatore del sistema immunitario per cui averne a sufficienza è importante in particolare nei  periodi dell’anno in cui più facilmente si è esposti a infezioni virali come un banale raffreddore o l’influenza.
Teatania
La vitamina D riduce il rischio di contrarre la sclerosi multipla, malattia che è molto meno frequente ai tropici dove l’esposizione solare è  praticamente quotidiana. Aiuta a mantenere efficiente il cervello anche in età avanzata e, inoltre, alcuni studi recenti hanno dimostrato che una sufficiente presenza di tale vitamina riduce significativamente il rischio cancro.
Bassi livelli di vitamina D, invece, accrescono il rischio di eventi infartuali e morte precoce. Insomma, si tratta di una di quelle vitamine che è fondamentale per il buon funzionamento dell’organismo e visto che per averne a sufficienza basta solo una adeguata esposizione al sole,  fare in modo che venga prodotta è anche un fatto piacevole.

Leggi anche

Seguici