Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come distruggere la cellulite con erbe e foglie

Il periodo migliore per utilizzare gli impacchi i bagni e le tisane a base di erbe e di foglie è proprio l’autunno.

di Daniele Lisi

11 Ottobre 2012





CelluliteCombattere la cellulite con erbe e foglie è possibile. La natura ci da una mano, solo che troppo spesso la maggior parte di noi la ignorano. Eppure vi sono ancora delle antiche tribù aborigene sparse un po’ in giro per il mondo, che si curano solo con ciò che la natura mette loro a disposizione. Ovviamente, non avranno l’aspettativa di vita di un abitante delle nazioni evolute, ovvero la maggior parte del pianeta, ma sicuramente riescono a  sopperire con ciò che mette loro a disposizione madre natura. Molto probabilmente, se potessero coniugare sia la medicina moderna che quella che si tramandano ormai da generazioni, potrebbero darci dei punti.

Pensare di poter fare  a meno di ciò che sii trova in natura è un grave errore. Il primo antibiotico in assoluto, la penicillina, il muschio per l’esattezza,  era conosciuto  ed utilizzato già da prima della sua scoperta, anche se lo si adoperava quasi al buio, senza cognizioni scientifiche, ma comunque faceva effetto. Ora, stesso discorso vale per la cellulite che può essere contrastata  molto efficacemente con le erbe e con le foglie.  Tuttavia, poiché in molte preparazioni sono comprese le foglie di betulla, le persone allergiche devono fare attenzione, perché potrebbero avere dei problemi non di poco conto.

Il periodo migliore per utilizzare  gli impacchi i bagni e le tisane a base di erbe e di foglie è proprio l’autunno, momento dell’anno che vede le foglie, in particolare, particolarmente ricche di un gran numero di sostanze, enzimi e sostanze leviganti,  adatte alla bisogna. Facciamo qualche esempio.



Foglie nei colori dell'autunnoQueste foglie, in questo periodo, hanno un effetto riducente e possono essere utilizzate per un gran numero di applicazioni.  Si possono triturare le foglie di vite rossa,  platano, quercia e betulla, mescolarle in acqua calda e applicare il composto che si viene a formare,  su cosce e glutei e mantenerlo in loco per una ventina di minuti. Come detto in precedenza, la betulla potrebbe essere un problema , per cui sarebbe opportuno fare una piccola prova, con una quantità esigua di poltiglia, su di una porzione ridottissima di pelle e vedere se vi sono arrossamenti, bolle, pruriti o una qualsiasi altra reazione allergica.

Per contrastare la cellulite, ripetere il trattamento un paio di volte la settimana. Per tonificare la circolazione e drenare i liquidi in eccesso, fare un bagno caldo, restando immersi una ventina di minuti, dopo aver aggiunto nell’acqua della vasca un piccolo sacchetto di cotone nel quale si saranno messi 2 cucchiai di rametti di rosmarino, 2 cucchiai di foglie di betulla e 2 cucchiai di foglie di vite rossa, la vite del Canada.

Per combattere la cellulite, è possibile utilizzare anche un altro impasto, diciamo così, realizzato sciogliendo in una tazza di acqua calda un cucchiaio di sale marino, 4 cucchiai di argilla, 7 gocce di olio essenziale di betulla e 7 gocce di olio essenziale di rosmarino, e mescolare energicamente. Una volta ottenuto un composto fluido, ma anche leggermente consistente, applicarlo sulle zone dove la cellulite è localizzata a mantenere in posizione per circa 15 minuti, dopo di che risciacquare abbondantemente.  Va da se che, per questo bagno caldointruglio, visto che è presente anche la betulla, è necessario effettuare prima una prova, tanto per andare sul sicuro.

Questi sono solo alcuni esempi di ciò che si può ottenere, o meglio, realizzare partendo da ciò che ci mette a disposizione madre natura. Naturalmente, come detto in precedenza, considerando che le allergie stanno diventando un problema sempre più frequente, prima di realizzare e utilizzare questi composti artigianali, è bene accertarsi di non essere un soggetto allergico, in particolare ai vari componenti descritti.  E’ sempre bene che la prudenza guidi sempre tutte le nostre azioni.

Leggi anche

Seguici