Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Spray nasale contro il mal di testa, come funziona?

Il farmaco è a base di zolmitriptan e agisce sia sui sistemi intra-cranici, sede di molti importanti terminazioni nervose, che sui vasi sanguigni.

di Daniele Lisi

22 Settembre 2012





emicraniaLo spray nasale contro il mal di testa, ma sarebbe più corretto dire contro l’emicrania, è un nuovo farmaco che sembra aver risolto in maniera definitiva il problema con cui per anni sono stati costretti a convivere moltissimi pazienti. L’emicrania in questione è quella a grappolo, una emicrania che definire molto impegnativa è un semplice eufemismo. Il dolore scatenato dall’attacco è quasi sempre lancinante, insopportabile, tale da costringere chi ne soffre a restare a letto in una stanza buia, perché anche la luce è in grado di far aumentare le fitte dolorose.

La cefalea a grappolo è caratterizzata da attacchi dolorosi che si presentano in periodo piuttosto lunghi, uno-due mesi, intervallati da altri mesi di regressione delle crisi. Queste, quando si presentano, sono estremamente violente e possono essere da una ogni pochi giorni a diverse nell’arco della stessa giornata, della durata variabile di 15-180 minuti.

Fino ad ora non era possibile fare praticamente nulla per alleviare il dolore, visto che tutti gli analgesici utilizzati non facevano altro che alleviare in maniera infinitesimale il dolore, ma in compenso erano forieri di altri effetti collaterali, come nausea e vomito. Inoltre, il soggetto colpito, spesso per cercare di alleviare il dolore, insopportabile, andava ben oltre il dosaggio consigliato dal medico curante, senza tuttavia trovare il ben che minimo giovamento.

Le crisi dolorose, come erano arrivate, così all’improvviso spariscono, lasciando il paziente esausto, anche se finalmente sollevato per l’assenza del dolore, ma sempre timoroso per una  sempre possibile ulteriore ricomparsa improvvisa. Del resto, questa emicrania non può contare su nessuna cura specifica, bisognava fino a poco fa cercare solo di lenirla al momento della sua comparsa, e nulla più.



spray nasaleCon il nuovo farmaco spray, invece, il problema è di fatto risolto in quanto, pur non  essendo curativo, entra in circolo molto velocemente e nel giro di qualche decina di minuti, mezz’ora al massimo, l’emicrania  scompare. Il farmaco è a base di zolmitriptan e agisce sia sui sistemi intra-cranici, sede di molti importanti terminazioni nervose,  che sui vasi sanguigni che sono collegati ad importanti arterie. Il farmaco ha una azione differenziata e combinata in quanto, dopo l’assorbimento di una sua prima frazione che entra rapidamente in circolo, una seconda viene assorbita dal tratto gastro intestinale, mantenendo così ben vivi l’effetto terapeutico. Ecco, quindi, che come per incanto, dopo anni di tentativi e sofferenze, per i pazienti di questa patologia, è finalmente arrivato il farmaco miracoloso, la liberazione dal dolore che, quando arriva, è decisamente sconvolgente e duraturo.

Del resto, la cefalea a grappolo è ancora e in parte uno dei tanti misteri dell’organismo umano, perché in sostanza le sue origini sono per lo più sconosciute, anche se negli ultimi anni si sono fatti notevoli passi avanti nella comprensione del problema. L’importante è essere riusciti a trovare un farmaco di “pronto soccorso”, perché in definitiva di questo si tratta, visto che non è per nulla una cura.
Per  i soggetti che soffrono di questo problema è già una conquista, una vera liberazione, riuscire a allontanare la fase dolorosa entro pochi minuti dalla sua comparsa. Poi, la ricerca, come ha prodotto un farmaco di pronto impiego mal di testain grado di risolvere la crisi di cefalea, saprà risolvere definitivamente il problema  cercando di trovare finalmente una cura.

Ovviamente questo farmaco è dedicato ai soggetti che soffrono di cefalea a grappolo, per cui non deve essere assunto per un banale mal di testa  che può essere risolto con uno dei tanti farmaci analgesici attualmente disponibili.  Per cui, evitare somministrazioni avventate perché potrebbero essere più deleterie che efficaci. Quando si tratta di farmaci, è bene andarci sempre con una certa circospezione, facendo attenzione a seguire scrupolosamente la prescrizione medica.

Leggi anche

Seguici