Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Capelli deboli, cosa fare per limitare la caduta in autunno

Un tempo si diceva che il capelli cadono maggiormente durante il periodo delle castagne, quindi in autunno, ed è vero.

di Daniele Lisi

13 Settembre 2012





Caduta capelliCapelli deboli, e con l’autunno ecco che la caduta diventa più accentuata. Un tempo si diceva che il capelli cadevano maggiormente durante il periodo delle castagne, quindi in autunno, ed è vero, anche se  in effetti era per lo più una semplice constatazione, certamente non si dava nessuna spiegazione del  fenomeno. Tuttavia, nei tempi passati, in previsione della caduta autunnale o anche quando questa iniziava a farsi notare, era frequente il ricorso al barbiere per adottare un taglio più drastico del normale, con la convinzione, o forse la speranza , che con questa strategia si potessero  far rinforzare i capelli e quindi scongiurare la caduta.

Rituali di un tempo, più che credenze, tuttavia la conoscenza delle cause della caduta autunnale è ancora insufficiente, ancora non è stato squarciato l’alone di mistero che accomuna le castagne ai capelli.
Tuttavia, le teorie degli esperti sono molteplici. Si pensa che questo evento naturale non sia altro che il retaggio di un tempo, di una condizione che ci accomuna un po’ a tutti i mammiferi pelosi che, in autunno, sono interessati dalla muta, ovvero cambiano il pelo per adattarsi alla nuova  incipiente stagione.

fruttaPotrebbe, per altri, essere la conseguenza di una riduzione drastica delle ore di luce, ancor più accentuata dal passaggio dell’ora legale a quella solare, che potrebbe degerminare un drastico cambiamento dell’equilibrio ormonale che, come è noto, ha una notevole influenza sulla salute del capello.
Altri ancora pensano che possa essere la conseguenza, un po’ a scoppio ritardato, dei danni procurati dall’estate ai capelli e al cuoio capelluto:  sole, mare, sabbia, troppi frequenti lavaggi, tutte cose che potrebbero aver stressato il delicato equilibrio di un capello di per sé già debole, con conseguente caduta.



Tutte opinioni e punti di vista differenti che, in tutti i  casi, possono avere qualcosa in comune. In tutti i casi, ci si trova al cospetto di una perdita di capelli che va comunque affrontata e contrastata con tutti i mezzi a diposizione. Tuttavia, se la caduta è abbastanza contenuta, ovvero 30-100 capelli al giorno per un periodo di non oltre 3 settimane, tutto rientra nella normalità, nel normale ricambio fisiologico. Se invece la caduta è ben più accentuata, allora è il caso di preoccuparsi e di cercare di porvi rimedio.

Il primo intervento, in questo caso, è come detto anche in altra occasione,  dall’interno, ossia l’alimentazione. Del resto, il detto che si è quel che si mangia non si discosta poi tanto dalla realtà, e questo vale anche per i capelli. Se non vengono adeguatamente nutriti con una adeguata e corretta alimentazione, s’indeboliscono e cadono, in particolar modo nei soggetti predisposti, vuoi per motivi genetici, che ambientali e o per la mancanza di una adeguata igiene specifica.
Quindi  la dieta anticaduta, diciamo così, deve essere a base di alimenti ricchi di vitamina B, biotina e acido folico, ma anche ferro e zinco, tutte sostanze che  sono i nutrienti fondamentali  per  la salute del capello e del cuoio capelluto. Da non scartare l’ipotesi di ricorrere all’utilizzo di integratori specifici proprio per dare ai capelli quel qualcosa in più particolarmente utile in questo periodo.

Utilizzare shampoo adatti , anticaduta e rinforzanti, scegliendo quelli  più indicati al proprio caso, come antiforfora, antisebo e così via.  Procedere ad un Caduta capellilavaggio accurato, facendo anche molta attenzione al risciacquo in modo da rimuovere completamente sia i residui di sporco  che  del prodotto utilizzato, evitando del tutto prodotti troppo aggressivi al pari dei sistemi di asciugatura.
Ricorrere a delle lozioni specifiche potrebbe essere d’aiuto, tuttavia  per la scelta del prodotto da utilizzare, sarebbe consigliabile rivolgersi ad un professionista che, dopo un attento esame sa del cuoio capelluto che del capello, saprà certamente consigliare per il meglio.

Leggi anche

Seguici