Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Sesso orale, nuova moda tra i giovani

Sesso orale che passione, in netto aumento il sesso orale tra i giovani. Bene o male? E' possibile prevenire malattie sessualmente trasmissibili? Uno nuovo studio

di Redazione

21 Agosto 2012

Si modificano i costumi sessuali dei più giovani.

Gli adolescenti istruiti e appartenenti alle classi sociali più agiate preferiscono ritardare il primo rapporto completo e praticare il sesso orale.
Il numero di giovani americani che pratica il sesso orale è in vertiginoso aumento. Secondo il Center for disease control and prevention di Atalanta, ben una ragazza su quattro, nella fascia di età compresa fra i quindici e i ventiquattro anni, ha avuto un’esperienza di sesso orale.

Questa tendenza sembra essere giustificata dalla paura di contrarre l’Aids e dalla voglia di evitare gravidanze indesiderate. Il nuovo trend è tipico soprattutto dei ceti sociali più alti, quelli in cui i genitori svolgono un ruolo determinante.Su questa nuova tendenza incide profondamente il ceto di appartenenza; è stato annotato che i ragazzi di colore, che non siano di origine ispanica, invece preferiscano il rapporto sessuale di tipo vaginale.

Il sesso orale è un fenomeno trasversale per ragazzi e ragazze. Spesso si pratica prima quando ancora non ci si sente pronti ad un rapporto sessuale completo, infatti circa il 6,5% ha ricevuto e praticato solo ed esclusivamente sesso orale.
Questa rivoluzione dei costumi sessuali, evidenzia che l’età nel quale si ha il primo vero rapporto si è allontanata nel tempo. Infatti, in America, gli adolescenti che hanno avuto un’esperienza completa sono solo il 43%. Circa trent’anni fa, negli anni ’80, i giovanissimi che avevano praticato sesso erano più della metà.

Non tutti gli adolescenti sanno che anche praticando sesso orale si può andare incontro a malattie ed infezioni. Questo tipo di rapporto non protegge dal rischio di contrarre l’Hiv. Inoltre, fare sesso orale senza protezione favorisce la diffusione di altre patologie come la gonorrea, la sifilide o la clamidya. Queste malattie parevano scomparse, invece oggi sono un costante e vero pericolo per i giovani.
Da qui nasce l’urgenza delle campagne informative a favore dell’utilizzo del profilattico anche per praticare sesso orale.

Leggi anche

Seguici