Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Curare le punture di zanzara con l’omeopatia

Si possono curare le punture di zanzara con l'omeopatia? E' possibile grazie ad alcuni utilissimi rimedi

di Redazione

17 Agosto 2012





Che si tratti di zanzare comuni o di zanzare tigre le loro punture sono sempre fastidiose e, in alcuni casi particolari, possono diventare persino pericolose.

Una trasmissione di Radio24 ha diffuso i consigli del medico Marco Temporin che indica come riuscire ad evitare i dolorosi pizzicotti.

Un rimedio viene da il Ledum palustre, chiamato anche rosmarino selvatico, che è una pianta che si trova comunemente in natura. Perché la cura sia efficace, è necessario iniziare con l’assunzione almeno sette giorni prima. Il Ledum fa sì che la pelle assuma un profumo non piacevole per le zanzare e così si riescono ad evitare le punture. Il Ledum è consigliato anche ai bambini ma, in tutti i casi, prima di iniziare la terapia è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia. Esiste anche una preparazione spray a base di Ledum che si spruzza sulla pelle e non è nocivo per la salute.



Quando il danno è già avvenuto e le zanzare ci hanno punto, possiamo ricorrere all’olio di menta piperita o a quello di calendula che sono in grado di ridurre il prurito. Molto efficace anche l’olio essenziale di melaleuca alternifolia che combatte la sensazione di prurito e ha proprietà antibatteriche. La melaleuca, o tea tree, è una pianta australiana di cui gli aborigeni conoscevano tutte le sue proprietà.

Invece, l’aloe in gel può essere impiegata per le sue virtù lenitive ed emollienti. Un rimedio casalingo alla portata di tutti è il ghiaccio che non va applicato a diretto contatto con la pelle. E’ bene avvolgere il ghiaccio all’interno di un telo e poi applicarlo sulla puntura. L’utilizzo dell’ammoniaca e del limone è da evitare perché possono provocare delle ustioni o dei problemi di fotosensibilizzazione.

E’da sottolineare che se la puntura si gonfia in maniera eccessiva o se si è allergici è bene rivolgersi ad un medico; inoltre è bene non iniziare una terapia omeopatica in contemporanea con altre cure mediche.

Leggi anche

Seguici