Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Terapia al gelato: i gusti che migliorano l’umore

Mangiare il gelato permette di emozionarsi, tornare all'infanzia e star meglio psicologicamente.

di Raffaela

22 Luglio 2012





Tra gli alimenti preferiti durante l’estate vi è certamente il gelato. Buono, fresco e perfetto per ogni tipologia di persona, grazie ai numerosissimi gusti a disposizione. Farà piacere sapere che vi è un motivo in più per mangiare un buon gelato: godere di svariati benefici psicologici.

Lo dimostra un’indagine promossa da Antica Gelateria del Corso, durante la quale si sono inervistati 100 esperti, tra psicologi e nutrizionisti. Stando agli eminenti pareri dei professionisti del settore, il gelato aiuta ad emozionarsi, dona piacere psicofisico e ci fa tornare con la mente all’infanzia.



Inoltre quando mangiamo un gelato ci ritagliamo un momento di relax tutto per noi, ma scegliere il secchiello, il cono o lo stecco denota una serie di specifiche caratteristiche personali.

Secondo il 36% degli esperti intervistati chi mangia il cono cerca condivisone o evasione per il 32%. Il secchiello è scelto da chi vuole concedersi un momento privcato di rilassamento per il 41%, mentre chi non ha tempo da perdere (38%) e chi è solito vivere forti emozioni (41%) preferisce lo stecco.

Vengono anche indicati i gusti da scegliere a seconda delle necessità e dei bisogni psicofisici di ognuno di noi. Gli ansiosi dovrebbero indirizzarsi verso gusti fruttati e colorati come amarena o pistacchio, per chè è stanco o spossato megli gusti corposi come tiramisù o caffè.

Infine il tanto amato cioccolato è l’ideale per chi vuole protezione o, semplicemente, ha bisogno di sorridere un pò e migliorare il proprio buon umore.

Leggi anche

Seguici