Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Vacanze ed internet, al mare con smartphone e tablet

La tecnologia, la connessione globale ha ormai contagiato anche le vacanze.

di Daniele Lisi

07 Luglio 2012

materassinoVacanze ed internet, al mare con smartphone e tablet e per qualcuno anche il portatile; ormai fare a meno della tecnologia è diventato impossibile, o forse è solo un problema di dipendenza. Non perché è necessario controllare sempre la posta elettronica, ma perché non si riesce a farne a meno.   Lo conferma uno studio della canadese Ryerson University secondo cui l’utilizzo di dispositivi tecnologici per connettersi ad internet durante il periodo di vacanza, come smartphone e tablet, è triplicata negli ultimi anni.

Del resto basta guardarsi in giro per rendersene conto. Certo, prima sulle spiagge si sentivano solo le radioline di una volta che trasmettevano musica a tutto volume, poi si è passati lentamente ai telefonini che squillavano in continuazione e, infine, i giorni nostri si distinguono per una serie di suoni elettronici che quasi coprono il vocio e il rumore della risacca che negli anni passati erano il sottofondo delle nostre vacanze.
Purtroppo, il fatto di poter essere raggiungibili in qualsiasi momento è diventata una vera schiavitù per alcuni che, di fatto, non riescono mai a staccare la spina. Ormai con la rete e le connessioni Wi-Fi che spesso sono presente anche sulle spiagge attrezzate, collegarsi ad internet è estremamente facile, per cui si passa più tempo con il tablet in mano che non a passeggiare beatamente sulla battigia, dove si riusciva a godere della frescura del mare anche quando il sole picchiava forte.

portatile sulla spiaggiaOggi, per tutta una serie di circostanze, il lavoro online ha ricevuto nuovo impulso, anche perché per molti rappresenta la fonte di sostentamento, per cui è necessario doversi collegare alla rete almeno un paio di volte al giorno, visto che internet, la rete, non chiude mai. Se prima l’azienda chiudeva per ferie, oggi per coloro che hanno una attività online questo non è più vero, non è praticamente possibile, per cui pur essendo in ferie è necessario controllare sempre che tutto vada per il giusto verso, che non ci siano richieste di clienti che, se non esaudite, potrebbero spingere il cliente verso altri lidi e questo, oggi, non è possibile accettarlo.

Tuttavia, a parte queste situazioni limite legate alle attività lavorative,  questi dispositivi di connessione ad internet, sono diventati il modo migliore per tenersi in contatto sempre, per condividere le proprie esperienze, per leggere il quotidiano sportivo, per vedere le previsioni del tempo, per fare un po’ di tutto, tranne ovviamente godersi a pieno una giornata al mare. Eppure le ferie, le vacanze sono il momento più importante dell’anno, il momento indispensabile per staccare la spina, per allontanare le tensioni e lo stress accumulati in un anno di lavoro, e se poi si tratta di ferie brevi, come probabilmente lo saranno quest’anno per la maggioranza degli italiani, limitarsele per stare attaccati allo smartphone, al tablet  o al portatile, è una follia.

Le ferie vanno godute appieno, è il solo modo per riprendersi la propria vita, almeno per quel periodo di tempo, breve o lungo che sia non importa, ma è necessario lasciare tutto il resto fuori la porta. Lo stesso impegno di dover  leggere la posta, controllare i messaggi su Facebook e quant’altro, vuol dire essere schiavi del solito tran tran che caratterizza le giornate del resto portatiledell’anno, e questa non è la strada giusta per ritrovare la serenità perduta.
La vacanza è stare sdraiati sulla battigia a farsi lambire dalla dolce e lenta risacca,  è chiacchierare con il vicino d’ombrellone della finale degli ultimi europei, è gustare un gelato passeggiando mano nella mano con il compagno/compagna della propria vita, è girovagare svogliatamente tra le bancarelle del mercatino del giovedì alla ricerca di qualche cosa strana, andare a mangiare la pizza dopo aver atteso il tavolo libero chiacchierando col vicino in attesa,  è tutto questo e altro ancora, ma certamente non è dover stare collegati alla rete.

Seguici