Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Aria nella pancia cause e rimedi

la pancia gonfia è un odioso malessere che colpisce spesso un pò a tutti. L'aria nella pancia è dovuta allo stile di vita ma anche ad intolleranze alimentari. Quale rimedio?

di Redazione

09 Giugno 2012

La pancia gonfia è un malessere che colpisce soprattutto le donne e si manifesta con una sensazione di pesantezza, eccessivo gonfiore e dolore.

Spesso l‘aria nella pancia si sente dopo i pasti e porta con sé anche stipsi o diarrea.
Le cause della pancia gonfia sono svariate, si parte dalle intolleranze alimentari agli stili di vita scorretti. In alcuni casi si parla di aerofagia, cioè quando inghiottiamo aria attraverso un pasto veloce oppure con un eccessivo impiego di gomme da masticare.

Può capitare che determinati alimenti causino gas intestinale; per esempio i legumi come i fagioli, i ceci ma anche le cipolle e i cavoli provocano gonfiore e episodi di diarrea. Il latte e gli zuccheri raffinati sono tra le cause di gonfiori e coliti, soprattutto se il soggetto risulta intollerante al lattosio.

Tra le cause di questo sgradevole problema c’è il colon irritato. La colite si cura sia con la dieta sia con una vita meno stressata e frenetica. E’ infatti risaputo che nei momenti di super lavoro o in momenti particolarmente critici della vita, la tensione si accumuli nella pancia e sfoci in episodi di diarrea o stipsi. Spesso le preoccupazioni o i problemi non sfogati causano gonfiori addominali e tensioni dolorose; si tratta di un circolo vizioso perché, vedendosi con la pancia gonfia, aumenta il sentimento di disagio che acuisce, anziché placare il nostro malessere.

Se avete questo tipo di problema è consigliabile cercare di vivere in maniera più tranquilla, di alimentarsi in modo regolare ed equilibrato e di fare attività motoria ogni giorno.
Per le donne l’aria nella pancia può essere legato al periodo premestruale o durante la gravidanza, quando le alterazioni ormonali influiscono su tutto l’organismo.

I rimedi più diretti per ritrovare un addome piatto sono semplici regole di igiene alimentare. Ridurre le bevande gassate e i prodotti lievitati. Mangiare pietanze preparate in maniera semplice e non troppo condite. Le verdure crude creano problemi di fermentazione, quindi è meglio assumerle cotte in maniera veloce, senza troppi grassi. Mangiare con calma, lentamente, masticando bene ogni boccone e stando seduti. Smettere di fumare e provare alcune pastiglie naturali in grado di assorbire i gas intestinali in eccesso.

Evitiamo per un periodo le fritture, i condimenti eccessivi e impieghiamo spezie ed aromi. Beviamo acqua naturale in quantità, ed integriamo con tisane che possano allieviare il meteorismo come il finocchio, l’anice e la liquirizia. Molto bene anche la camomilla che ha un effetto anti spasmodico ed induce il rilassamento delle pareti dello stomaco.

Facciamo piccoli pasti, senza grandi abbuffate e non durante il pranzo non facciamo prendere dalla fretta. Se soffriamo di stipsi cerchiamo di favorire l transito intestinale bevendo almeno 1 litro e mezzo di acqua al giorno, facendo movimento fisico almeno per mezz’ora e alimentandoci con cereali integrali, fibre e frutta.
Se il problema non si risolve e si ripete nel tempo, è il caso di rivolgersi ad un medico specialista che provvederà a prescrivervi tutti gli esami necessari, compresi quelli per valutare possibili intolleranze al lattosio, al glutine o al sorbitolo.

Seguici