Questo sito contribuisce
all'audience di

 

A letto al primo appuntamento, si o no?

A letto al primo appuntamento potrebbe essere una scelta azzardata. Si perderebbe una delle componenti essenziali di un rapporto, la seduzione.

di Daniele Lisi

20 Aprile 2012





primo appuntamentoA letto al primo appuntamento, si o no?  Domanda semplice semplice  che però non può avere una risposta altrettanto semplice.

Come spesso accade quando si pongono domande del genere o, comunque, quando si affrontano simili argomenti, ci si trova di fronte a due scuole di pensiero che la vedono esattamente in modo diametralmente opposto. Da un lato i sostenitori del no e, ovviamente dall’altro, quelli del si.

Naturalmente entrambe le argomentazioni  portate a sostegno ciascuno della propria tesi, sono  ragionevoli e condivisibili, per cui alla fine è, come spesso accade in questi casi, una valutazione del tutto personale.

La bilancia, ad ogni buon coto, pende a favore del no e i si sono in minoranza.

La motivazione principale sostenuta dai no è che, arrivando a consumare l’atto al primo appuntamento, si perde gran parte di quella che è una componente essenziale del rapporto tra due persone che si incontrano per la prima volta: la seduzione, il corteggiamento,  tutte quelle attenzioni che ciascuno dei due soggetti mette in campo per cercare di fare colpo sull’altro; in definitiva come già detto, la seduzione.

Questa, se vogliamo, è anche una parte essenziale della conoscenza tra due persone,  è quell’insieme di sensazioni che rendono bella una giornata  altrimenti grigia, è quel continuo incrociarsi di sguardi che accende l’interesse e il fuoco dentro,  è la condivisione delle sensazioni che una chiacchierata seduti su una panchina in riva al mare riesce a trasmettere,  è la speranza di potersi rivedere nuovamente, è in sostanza una giornata che si ricorderà per lungo tempo, per tutta la vita se poi da quel primo incontro dovesse  nascere un legame duraturo.

Ma anche in caso contrario, perché comunque una giornata così e quelle che potrebbero seguire, si ricorderanno per tutta la vita, continueranno a trasmettere anche  a distanza di anni le stesse sensazioni, anche in caso di un rapporto mai iniziato o interrotto.



BacioTutte queste sensazioni e emozioni, verrebbero in un certo senso abortite da una prematura corsa in camera da letto, anche se questo aggiungerebbe all’incontro anche altre emozioni e sensazioni, ma con il rischio che quelle vissute o che si sarebbero potute vivere se non si fosse arrivati prematuramente alla conclusione, potrebbero non essere più vissute, potrebbero non far più parte dei ricordi di una vita.

Non bisogna guardare solo all’immediato, ma anche al futuro, a quello che un domani resterà per sempre fissato nella memoria e nel cuore.

Non si sa mai, per fortuna, quello che la vita riserverà a ciascuno, per cui non  bisogna privarsi sin dall’inizio di un patrimonio di ricordi e sensazioni che si potranno rivivere come se fossero veri anche a diversi anni di distanza. Sono ricordi che non sbiadiscono,  mentre invece potrebbe sbiadire un rapporto consumato troppo in fretta. Non si parla di un rapporto frettoloso, ma di un rapporto prematuro; si tratta di due concetti completamente diversi.

La vita va affrontata con calma, e questo vale anche per i rapporti tra due persone. Viverli troppo di fretta, potrebbe non portare a nulla di buono, potrebbe non far scoccare quella scintilla che è alla base di ogni rapporto Primo appuntamentoduraturo.

Si potrebbe obiettare che conoscersi è importante, e per conoscersi si intende anche a letto, e anche evitare che ci si possa accorgere troppo tardi che non vi è feeling , che non si va d’accordo a letto. Ma certamente, non sarà qualche giorno da attesa a far precipitare le cose, anche se i fautori del si ritengono che  è sempre meglio provare prima di  innamorarsi, perché poi potrebbe essere difficile rompere una relazione che si basa su di un rapporto così così.

Tuttavia, si tratta di casi limite. Vivere i giorni della seduzione, dell’innamoramento reciproco, aiuta a consolidare il rapporto. Quindi un po’ di pazienza, qualche giorno di attesa non potrà far male a nessuno.

Leggi anche

Seguici