Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Fitness di primavera, allenamento all’aperto

Con l'arrivo della bella stagine, fare fitness all'aperto consente di respirare a pieni polmoni aria pulita.

di Daniele Lisi

19 Aprile 2012





Fitness all'apertoFitness di primavera, allenamento all’aperto anche se con la pioggia di questi giorni non sembra proprio essere il periodo giusto.  Ad ogni buon conto, fare allenamento all’aperto è senza dubbio molto più piacevole che nel chiuso di una palestra o della propria abitazione. Con  la temperatura che diventa più gradevole e con la possibilità di respirare a pieni polmoni aria meno viziata di una struttura al chiuso, soprattutto nelle ore di punta  durante le quali le palestre sono decisamente affollate. Ovviamente, questo discorso vale per chi non ha problemi di natura allergica, perché altrimenti il fitness si trasformerebbe in una vera e propria sofferenza, con il naso che cola e con gli starnuti  che non danno tregua.

A parte questa limitazione, fare fitness all’aria aperta è sicuramente più piacevole. Si riesce meglio ad eliminare lo stress accumulato durante la giornata, si fanno gli esercizi con più impegno e distensione anche perché  la tranquillità e l’armonia che ci circonda rende tutto l’allenamento più piacevole nel suo complesso.
I risultati che si possono ottenere, ma questo accade anche in palestra, sono indubbiamente positivi in quanto vi è una riduzione della massa grassa e una tonificazione complessiva del sistema muscolo-scheletrico, solo che rispetto al chiuso, i risultati si ottengono in modo più piacevole e rilassante.
Ma come organizzarsi per cercare di fare un allenamento razionale, in modo da poter distinguere i tempi e i modi per i vari esercizi. In fondo, quelli che si fanno con maggior frequenza sono 4-5,  per cui prenderemo in esame in particolar modo quelli più utilizzati.



Esercizi all'apertoInnanzi tutto la cosa migliore è segnare un cerchio immaginario sul terreno, ma anche un quadrato o una qualunque altra figura geometrica piana andrebbe bene lo stesso,  e poi posizionare degli oggetti che possono essere dei rami spezzati, delle piccole pietre, dei mucchietti di foglie, in modo da identificare delle vere e proprie stazioni, ciascuna delle quali sarà dedicata ad un esercizio.
Prendiamo, per esempio, un percorso con quattro postazioni, nelle quali si andranno a  fare, per l’appunto, quattro esercizi diversi. Questo non vuol dire che quattro debba essere il massimo, ma si tratta innanzi tutto di un esempio tanto per essere più esplicativi, e poi inoltre tutto deve essere rapportato al proprio stato di forma. Per cui, se si viene da un periodo di inattività dal punto di vista dell’esercizio fisico, è bene cominciare anche con meno di quatto esercizi ,per poi aumentare gradatamente man mano che si riacquista la forma. Ricordarsi, mai chiedere al proprio fisico più di quanto è in grado di dare in un determinato momento, si rischierebbe di fare più danni che altro.

Tornano al nostro cerchio magico, il primo esercizio potrebbero essere le classiche flessioni che bene o male tutti una volta nella vita avranno pur fatto. Ad ogni modo, stendersi sul fido tappetino a pancia in già, puntare le braccia ai lati del corpo, posizionate un po’ più in basso delle spalle, e fare forza sul palmo delle mani per alzarsi fino a distendere completamente le braccia  facendo attenzione a mantenere il corpo ben disteso, evitando che possa flettersi. Fare 2-3 ripetizioni in serie da 10-15, o almeno fino dove è possibile. Tra una serie e l’altra, un attimo di riposo e rilassamento.

Fitness all'apertoAltro esercizio, che va eseguito nella postazione successiva,  potrebbe essere lo squat.  Posizionarsi ritti, con le gambe leggermente divaricate, incrociare le mani dietro la nuca e flettere le gambe fino a portare i quadricipiti paralleli al terreno, o al solito tappetino. Rialzarsi lentamente o, apportando una piccola variante all’esercizio, saltare distendendosi, ma sempre mantenendo le mani incrociate dietro la nuca. Anche in questo caso, fare 2-3 ripetizioni dell’esercizio in serie da 10-15.
Continuare così con latri esercizi, ciascuno da eseguire sempre nella postazione successiva alla precedente, fino a completamento del cerchio. Buon divertimento.

Leggi anche

Seguici