Questo sito contribuisce
all'audience di

 

La dieta anti Parkinson

Consumare cibi ricchi di flavonoidi riduce il rischio di sviluppare il Parkinson

di Raffaela

06 Aprile 2012





La prevenzione inizia a tavola. Sono sempre di più le ricerche che dimostrano l’importanza di un’alimentazione corretta ai fini di una maggiore prevenzione di molteplici patologie. Oggi vi parliamo di uno studio condotto dalla Harvard University e dalla University of East Anglia.

I ricercatori hanno esaminato un folto gruppo di persone, per individuare la dieta più corretta per prevenire il Parkinson, malattia neurodegenerativa che colpisce centinaia di migliaia di persone nel nostro paese. Più di 130 mila persone coinvolte nello studio, che è durato circa 20 anni.



Durante questo tempo si sono registrati 800 casi di Parkinson, ed incrociando i dati relativi alle abitudini alimentari dei soggetti coinvolti è emerso che consumare cibi contenenti elevate concentrazioni di flavonoidi, riduce del 40% il rischio di sviluppare la malattia di Parkinson.

In particolare gli esperti consigliano alimenti come mele e frutti di bosco, mentre tra le bevande il ed il vino rosso sono l’ideale (sempre senza esagerare con l’alcol). Alla base della protezione svolta dai flavonoidi, risiederebbe nelle loro proprietà antiossidanti.

Proprietà grazie alle quali si riduce il rischio di degenerazione a cui vanno incontro i neuroni situati in un’area specifica del nostro cervello. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Neurology.

Leggi anche

Seguici