Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Dormire bene: come l’età influenza il sonno

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Dite addio alla convinzione che con l’avanzare  dell’età si riduce la qualità del sonno. Un recente studio dimostra, anzi, che sono proprio gli over 70 a godere di un sonno migliore. Dall’analisi di 155.877 adulti si sono ottenute interessanti informazioni, che interesseranno insonni e meno insonni. Lo ...

di Raffaela

02 Marzo 2012





Dite addio alla convinzione che con l’avanzare  dell’età si riduce la qualità del sonno. Un recente studio dimostra, anzi, che sono proprio gli over 70 a godere di un sonno migliore. Dall’analisi di 155.877 adulti si sono ottenute interessanti informazioni, che interesseranno insonni e meno insonni.

Lo studio è stato svolto presso il Center for Sleep and Circadian Neurobiology dell’Università della Pennsylvania. I ricercatori hanno contattato via telefono più di 150.000 persone, ed hanno raccolto dati di vario tipo. Età, qualità del sonno, lavoro, stress, reddito, livello d’istruzione, presenza di eventuali malattie.



Valutando l’insieme dei dati è emerso che le donne hanno maggiori problemi di insonnia, rispetto agli uomini. Sicuramente problemi di salute, depressione e stress incidono pesantemente sul sonno delle persone.

Veniamo ora al dato che ha sorpreso di più: con l’età anziana si dorme meglio e di più. Secondo gli esperti, il motivo è soprattutto legato al fatto che con la pensione si riducono i problemi di lavoro e quindi talune preoccupazioni vengono meno. Dopo i 60 anni il sonno migliora e continuerà a farlo, salvo problemi di salute particolari.

Ecco perché gli esperti che hanno lavorato alla ricerca consigliano: “Gli anziani che ravvisano disturbi del sonno dovrebbero parlarne con il medico per comprenderne le cause, senza ignorare il sintomo che, come abbiamo dimostrato, non è una conseguenza dell’avanzare dell’età”.

Insomma , sembrerebbe che giovinezza e stress sono fattori che influenzano negativamente le nostre dormite. Lo studio è stato presentato sulle pagine della rivista Sleep.

Leggi anche

Seguici