Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Ernia al disco sintomi, cosa fare

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Ernia del disco è una dolorosa ma comunissima infiammazione della colonna vertebrale. L’ernia del disco consiste in  una rottura oin una sorta di spostamento chiamato sfiancamento, dell’anello fibroso del disco e conseguente dislocazione del nucleo polposo. In genere il disco si rompe o si sposta quando ...

di Redazione

20 Febbraio 2012





Ernia del disco è una dolorosa ma comunissima infiammazione della colonna vertebrale. L’ernia del disco consiste in  una rottura oin una sorta di spostamento chiamato sfiancamento, dell’anello fibroso del disco e conseguente dislocazione del nucleo polposo. In genere il disco si rompe o si sposta quando invecchia, ma il fenomeno più comune è avere infiammate le cartilagini proprio perchè si stanno consumando.

Perchè accade? Molto spesso la causa e l’età, l’affaticamento della colonna vertebrale, una posizione scorretta e, talvolta può essere persino la familiarità ma certo in modo molto inferiore. Di certo è che l’ernia del disco si manifesta quando muta il rapporto tra nervo e disco.

Quando insorge un’ernia, il disco sporge dal margine vertebrale e schiaccia la radice nervosa provocando dolore,  uno dei sintomi più comuni è infatti  la sciatica. Quando l’infiammazione del disco diventa vera e propria ernia, accade che il nucleo gelatinoso del disco, non sopportando il carico della pressione, inizia a premere sugli strati dell’anello fibroso fino a lacerarli, così giorno per giorno il nucleo gelatinoso è come se si creasse una strada, un tunnel per fuoriuscire. Fin tanto che il nucleo si sta scavando la sua strada per fuoriuscire, ci troviamo in una condizione di protrusione discale, quando avviene la completa fuoriuscita, allora ci troviamo di fronte ad una vera e propria ernia del disco.



In genere la patologia non ha un dolore importante almeno che l’ernia non sia pesantemente infiammata, talvolta oltre ai classici dolori alla parte bassa della schiena, ai fastidiosi tiramenti dei tendini della gamba si possono associare situazioni di parestesie ovvero sensazioni anomale della gamba, tipo formicolii e deficit sensitivi (45%), alterazioni dei riflessi (51%) ed ipostenia o diminuzione della forza (28%). La diminuzione della forza riguarda soprattutto i movimenti del piede e può essere verificata sollevandosi sui talloni o sulle punte.

Per l’ernia del disco come per tante altre patologie è ovviamente meglio prevenire piuttosto che curare, in questo caso sono molto importanti ed utili alcune asana dello yoga ma sopratutto una educazione posturale corretta e un quotidiano esercizio simile. Un buono stetching quotidiano allevierà certamente l’affaticamento della colonna ed renderà meno probabile la creazione di un’ernia.

Oltre al questo genere di terapia indicata un pò a tutti ma specie a chi sollecita molto la colonna vertebrale, può persino evitare la necessità di una operazione. Già, quando l’ernia diventa grossa e vi è la fuoriuscita del nervo l’unica cosa che si può fare è una operazione dolorosa e lunga con relativa degenza. Spesso poi, ci dicono gli ortopedici, l’operazione all’ernia del disco non è per nulla risolutiva anche perchè la scorretta postura non può essere sicuramente corretta da un intervento e dunque molto spesso conviene comunque procedere lentamente alla rieducazione del nostro corpo con della sana, ottima e quotidiana ginnastica posturale.

Leggi anche

Seguici