Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Spray nasale mal di testa, combatte emicrania e cefalea

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Spray nasale mal di testa, combatte emicrania e cefalea grazie ad un nuovo principio attivo arrivato dagli Stati Uniti, lo zolmitriptan. Cefalea addio, quindi, anche la terribile cefalea a grappolo, feroce e indesiderata compagna di vita di un gran numero di persone. Chi soffre di questo ...

di Daniele Lisi

08 Febbraio 2012





cefaleaSpray nasale mal di testa, combatte emicrania e cefalea grazie ad un nuovo principio attivo arrivato dagli Stati Uniti, lo zolmitriptan. Cefalea addio, quindi, anche la terribile cefalea a grappolo, feroce e indesiderata compagna di vita di un gran numero di persone. Chi soffre di questo problema sa benissimo quanto esso possa essere terribile, e lo sanno anche i familiari che hanno assistito per anni a giornate particolarmente difficili per i loro congiunti.
L’andamento della cefalea a grappolo è altalenante, alternando infatti periodi di relativa remissione ad altri di riacutizzazione, durante i quali le crisi sono sempre più frequenti e lunghe. La letteratura medica parla di periodi di dolore intenso, veramente insopportabile e per molti terrificante, anche di alcune ore, ma chi soffre di questo problema, sa benissimo che la durata di una crisi può anche essere decisamente più lunga, uno-due giorni anche,  poi così come è apparso, il dolore lentamente sparisce, lasciando il soggetto particolarmente provato, ma al contempo sollevato per la fine della crisi algica.

Ora, finalmente, il problema sembra essere risolto, con gran sollievo  del nutrito esercito di  pazienti colpiti da cefalea a grappolo.
Con lo spray nasale, il sollievo al dolore è pressoché immediato, o meglio, è assicurato. Dopo 10 minuti dalla somministrazione si comincia lentamente a star meglio e, entro 30 minuti, il dolore è ormai uno spiacevole ricordo. Una soluzione che finalmente mette fine  a lunghe ore e giornate dolorose, durante le quali il desiderio, o meglio, la tentazione di farla finita pur di trovare pace, ha toccato più di un paziente.
spray nasaleIl dolore, quando si presenta, arriva all’improvviso, in un primo momento sommesso e appena percettibile, ma nel giro anche solo di pochi minuti, arriva al livello massimo che costringe spesso a letto e al buio il soggetto sofferente, il solo modo per poter, non dico trovare sollievo, ma almeno sopportare la crisi dolorosa. Questa è solitamente unilaterale  e interessa prevalentemente la sede oculo-fronto-temporale, violento, terribile, trafittivo, descritto come una pugnalata in un occhio, un dolore tale da non poter essere sopportato.



Visto che, prima dell’avvento del nuovo spray nasale, si doveva ricorrere massicciamente ad analgesici, anche potenti, spesso la crisi dolorosa era accompagnata da vomito e malessere generale, ma questo era dovuto all’uso dei farmaci antidolorifici che i pazienti, pur di liberarsi dal dolore, assumevano anche in dosi massicce, spesso ben oltre quelle consigliate dal medico.
L’emicrania è abbastanza diffusa, tanto da interessare circa il 10-15% della popolazione, con una netta prevalenza femminile, e con un periodo d’esordio che di norma  è dopo la pubertà.  Spesso ereditaria, si presenta di solito perché innescata da alcuni fattori scatenanti che, in un certo senso, la potrebbero rendere prevedibile, anche se di fatto così non è.

Alcuni fattori scatenanti noti sono gli ormoni estrogeni,  il fumo e ovviamente anche quello passivo, gli alcolici e in particolare il vino rosso, alcuni alimenti come il formaggio stagionato, il cioccolato, digiuno, intolleranza al glutine.  Anche se questi fattori sono noti, non lo sono altrettanto le cause della cefalea che si ritiene siano di ordine neurofisiologiche, visto che sembra siano coinvolti alcuni neurotrasmettitori come la serotonina e proteine della membrana  neuronale.
Ad ogni buon conto, qualunque sia la causa, ormai ha poca importanza, visto che è stato trovato finalmente un rimedio che è in grado non solo di alleviare le crisi dei pazienti afflitti da cefalea, ma addirittura di risolverle in maniera efficace. La caratteristica importante dello spray è che dopo che la prima frazione di farmaco è stata assorbita  entrando in circolo rapidamente,  una seconda viene assorbita a livello gastrointestinale, cosa fondamentale per garantire  il mantenimento dell’azione terapeutica ed evitare quindi le recrudescenze  caratteristiche della cefalea a grappolo.

Leggi anche

Seguici