Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Ictus: l’eccessivo pessimismo e l’introversione ne aumentano il rischio

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Anzitutto facciamo una piccola premessa. Secondo la teoria psicologica dei tratti, la personalità di ognuno è la risultante di cinque caratteri fondamentali: estroversione-introversione, gradevolezza-sgradevolezza, coscienziosità- negligenza, nevroticismo-stabilità emotiva, apertura mentale-chiusura mentale. Ebbene, secondo uno studio presentato in occasione del meeting dell’American Stroke Association a New Orleans, sembra ...

di Daniela Bella

04 Febbraio 2012





Anzitutto facciamo una piccola premessa. Secondo la teoria psicologica dei tratti, la personalità di ognuno è la risultante di cinque caratteri fondamentali: estroversione-introversione, gradevolezza-sgradevolezza, coscienziosità- negligenza, nevroticismo-stabilità emotiva, apertura mentale-chiusura mentale.

Ebbene, secondo uno studio presentato in occasione del meeting dell’American Stroke Association a New Orleans, sembra che le persone che presentano un alto tratto di chiusura mentale e di introversione hanno una maggiore probabilità di incorrere in un ictus.



Ci riferiamo, dunque, a tutte quelle persone che presentano stati di eccessiva preoccupazione, pessimismo, paura e fatica.

Lo studio in questione è stato condotto su un gruppo di 1.082 volontari adulti e privi di demenza, classificati su una scala in grado di misurare il loro livello di introversione, preoccupazione ed eccessivo pessimismo.

Ebbene, i soggetti che hanno segnato un livello elevato di questo tratto della personalità (quindi di quello chiusura mentale ed introversione) hanno avuto un aumento del rischio di incorrere ad ictus, circa il doppio rispetto alla media .

Il legame tra alti livelli di questo tratto della personalità e un aumento del rischio di ictus, inoltre, è rimasto anche dopo che alcuni ricercatori hanno preso in considerazione la funzione cerebrale e motoria, i fattori di rischio cardiovascolari e condizioni particolari come le nevrosi.

Leggi anche

Seguici