Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il preservativo: amico o nemico del cinema hard?

Attori e attrici porno a rischio Aids. L’uso del preservativo dovrebbe essere obbligatorio ma i protagonisti non lo vogliono. L’unico modo per proteggersi dal rischio di contrarre l’Aids e’ l’uso del preservativo durante ogni rapporto sessuale. I periodici test dell’Hiv, infatti, non sono sufficienti a garantire una prevenzione adeguata, soprattutto per ...

di Redazione TuttaSalute.net

02 Febbraio 2012

preservativo film hardAttori e attrici porno a rischio Aids. L’uso del preservativo dovrebbe essere obbligatorio ma i protagonisti non lo vogliono.

L’unico modo per proteggersi dal rischio di contrarre l’Aids e’ l’uso del preservativo durante ogni rapporto sessuale. I periodici test dell’Hiv, infatti, non sono sufficienti a garantire una prevenzione adeguata, soprattutto per coloro che del sesso hanno fatto il loro mestiere. E’ stata avanzata una richiesta per obbligare tutti gli attori porno ad usare il preservativo sul set come nella vita privata, sia per la penetrazione vaginale che per quella anale, ma alcuni di loro si rifiutano.

L’allarme sulla mancanza di protezione degli attori porno è stato lanciato dall’Aids Healthcare Foundation, un’associazione anti Hiv che ha sottolineato l’importanza dell’uso del preservativo durante le scene hard. Oltre ad una maggiore esposizione al rischio dovuta all’alto numero di rapporti che ogni attore/attrice ha con partner sempre diverse/i, un altro fattore di rischio è la penetrazione anale. Questa, infatti, normalmente praticata nel cinema hard, è una delle modalità più diffuse di contraizone dell’Aids.

Nonostante la proposta lanciata dalle associazioni sia a favore degli attori porno, i diretti interessati non ci stanno, in quanto ritengono che l’uso del preservativo rovinerebbe il business in quanto gli spettatori non gradirebbero la visione  del preservativo inquesto genere di film. Secondo gli attori hard, i test di routine sarebbero quindi il metodo più sicuro ed efficace.

scena film hardAddirittura, c’e’ chi ritiene il preservativo pericoloso. Secondo la veterana dell’hard Nina Hartley, le porno attrici sono impegnate in media dai 30 ai 55 minuti a rapporto ed i preservativi possono causare micro lacerazioni della parete vaginale che lasciano la donna più esposta ad eventuali malattie. In realtà, l’uso del preservativo, soprattutto nel caso della penetrazione anale, serve proprio ad evitare il contagio in caso di perdita di sangue dovute a micro lacerazioni.

Per fortuna, alcuni del settore non la pensano cosi. Shelley Lubben, protagonista di più di 30 film hard, ammette che il rischio di contrarre l’Aids ed altre malattie sessualmente trasmissibili è alto e che l’uso del preservativo dovrebbe essere considerato obbligatorio per ogni attore e attrice porno.

Seguici