Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Mal di testa: spray nasale o caramelle?

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Quando si parla di cefalea ci si riferisce a quel disturbo doloroso della testa, ed è la più comune tra le sindromi dolorose. La cefalea, come espressione di una malattia cerebrovascolare, può rappresentare in alcuni casi un sintomo di notevole rilievo, mentre in altri ...

di Daniela Bella

22 Gennaio 2012





Quando si parla di cefalea ci si riferisce a quel disturbo doloroso della testa, ed è la più comune tra le sindromi dolorose.

La cefalea, come espressione di una malattia cerebrovascolare, può rappresentare in alcuni casi un sintomo di notevole rilievo, mentre in altri può non comparire costantemente.

Tra i vari rimedi contro il mal di testa ci sono anche degli appositi spray nasali e delle caramelle linguali. Conosciamo meglio le loro caratteristiche.

Lo spray nasale si è dimostrato molto efficace, tanto che il mal di testa nel 43% dei casi si allevia dopo un’ora dall’insufflazione e nel 59% dei casi dopo due ore.

Non solo per l’efficacia, ma lo spray nasale è molto pratico e comodo anche perchè permette di aggirare quei problemi di nausea e vomito che spesso accompagnano l’assunzione di famaci per bocca.

Per non parlare del fatto che, lo spray nasale, offre anche il notevole vantaggio di non far passare il farmaco per il fegato, come invece avviene con altri tipi di farmaci.



Un altro punto a favore è che il nervo olfattivo è l’unico fra i dodici nervi cranici a raggiungere la corteccia cerebrale senza interruzioni lungo il suo tragitto. Questo signica che i principi attivi dello spray possono entrare rapidamente in circolo, raggiungendo elevate concentrazioni nel sistema circolatorio cerebrale, dove esercitano la loro funzione antiemicranica.

Un altro rimedio altrettando comodo ed efficace, invece, è la caramella linguale, ovvero una caramella che si scioglie in bocca.

Come dicevamo si tratta di un rimedio molto pratico e comodo, poichè, specialmente quando si è fuori casa e non si ha a portata di mano un bicchiere d’acqua a portata di mano per ingerire la comune pillola, ci permette di assumerla poggiandola solo sulla lingua, senza il supporto di acqua.

Uno dei primi farmaci entrati in commercio è il rizatriptan in formulazione wafer, una speciale caramellina alla menta capace di sciogliersi rapidamente in bocca ed essere assorbita con la saliva.

Ma, per chi non tollerasse il sapore alla menta, può anche optare per delle caramelline all’arancia a base di zolmitriptan.

In ogni caso potrete consultarvi con il vostro medico, che potrà darvi qualche utile consiglio a riguardo.

Leggi anche

Seguici