Questo sito contribuisce
all'audience di

 

La lente a contatto che legge email ed sms

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Una lente a contatto in grado di visualizzare immagini, leggere email ed sms. Un progetto più realistico di quanto si possa pensare, grazie alla ricerca a cui sta lavorando un gruppo di scienziati finlandesi e statunitensi. I primi esperimenti, condotti sia in spazio aperto che su conigli, ...

di Raffaela

04 Gennaio 2012





Una lente a contatto in grado di visualizzare immagini, leggere email ed sms. Un progetto più realistico di quanto si possa pensare, grazie alla ricerca a cui sta lavorando un gruppo di scienziati finlandesi e statunitensi.

I primi esperimenti, condotti sia in spazio aperto che su conigli, hanno dato risultati promettenti che sono stati pubblicati sul Journal of Micromechanics and Microengineering. Per ora si tratta quindi di un prototipo, ma i ricercatori sono fiduciosi e credono che si potrà ottenere una lente performante in grado di leggere informazioni di vario tipo.



La lente funziona grazie ad un’antenna che riceve i segnali esterni, ma anche l’energia necessaria per far lavorare la lente. Quest’energia viene immagazzinata in un circuito che la invierà ad un chip che contiene un led. La lente non sembra danneggiare la cornea, ma molti test vanno ancora eseguiti per migliorare alcuni aspetti ed avere maggiori informazioni circa la sicurezza del dispositivo.

Tra i problemi da risolvere vi è la messa a fuoco della lente, maggiori specifiche arrivano da Babak Parviz, professore dell’Università di Washington ed autore dello studio. Egli ha dichiarato:

Innanzitutto, quando l’abbiamo provata nello spazio potevamo fornirle energia e segnale da un metro di distanza. Una volta applicata all’occhio del coniglio la distanza efficace si è ridotta ad appena due centimetri. Dobbiamo migliorare l’antenna e ottimizzare le frequenze usate per la trasmissione dei dati e la ricarica elettrica della lente. Adesso vogliamo provare a incorporare un testo predefinito nei prototipi di lente, per capire se è possibile leggerlo”.

Leggi anche

Seguici