Questo sito contribuisce
all'audience di

 

La solitudine

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); La solitudine è un problema che tocca milioni di persone e, ogni giorno, le vicende della vita fanno crescere questo numero quasi in maniera esponenziale. Basti pensare alle tante persone che, in un qualunque momento della loro esistenza, perdono il partner o ai tanti single per scelta, ...

di Daniele Lisi

08 Dicembre 2011





sentimentoLa solitudine è un problema che tocca milioni di persone e, ogni giorno, le vicende della vita fanno crescere questo numero quasi in maniera esponenziale.
Basti pensare alle tante persone che, in un qualunque momento della loro esistenza, perdono il partner o ai tanti single per scelta, o ancora alle tante persone che sono costrette per lavoro a vivere la loro vita lontane dalla famiglia o in condizioni disagiate.
Nella accezione generale, la solitudine è intesa come mancanza di un compagno con il quale trascorrere la propria esistenza, mancanza di amici con i quali vivere  i momenti belli e brutti della propria giornata, insomma, una presenza fisica di un altro essere vivente con il quale  intrattenere un rapporto, ma in effetti non è così.

Quante volte, anche in compagnia, si ha la netta sensazione di essere soli,  così come in ambito lavorativo, semmai in un ufficio  che si divide con un numero più o meno numeroso di persone, si  percepisca la propria solitudine quasi fosse un macigno che incombe sulla propria testa. Allo stesso modo, ma in una condizione decisamente opposta,  quando semmai si passeggia in un parco particolarmente accogliente, non si avverte la solitudine anche se a passeggiare si è da soli.
Ciò che fa la differenza tra  il sentirsi soli o no, non è la presenza o l’assenza di qualcuno con cui condividere il momento, ma molto più semplicemente non avere in quel determinato tempo e luogo qualcuno o qualcosa che si ama, quindi la mancanza o la presenza dell’amore.

solitudineLa raccomandazione che spesso viene fatta alle persone di una certa età che, per sfortuna, hanno perso il compagno della propria vita,  è quella di prendersi un cane, il quale potrà certamente tenere compagnia. Affermazione vera, ma non sempre, perché la sola presenza non sarà sufficiente a far sparire quella sensazione di solitudine come per magia. La solitudine scomparirà nel momento in cui si instaurerà un rapporto di affetto, di amore tanto per usare la parola giusta, che sarà il solo sentimento in grado di far sparire la solitudine. Del resto, è quasi impossibile che ciò non avvenga, visto che il rapporto tra il cane e l’uomo è quasi sempre sinonimo di amore, tuttavia vi sono persone che questa sensazione non la proveranno mai perché non in grado di provare questo sentimento, e quindi continueranno a restare soli, più occupati senza dubbio, ma sempre soli.



Del resto,  questo sentimento si può provare anche per qualcosa di inanimato, non necessariamente un essere vivente. C’è, per esempio, chi ama svisceratamente la propria casa, la sente parte di se,  e anche da solo, non sentirà mai la solitudine, perché ha modo di riversare il suo amore su qualcosa in grado di appagarlo completamente.
Una  strategia per combattere la solitudine è quella di avere qualcosa da amare, cose, oggetti, attività, esseri viventi. Più cose si ameranno,  più difficilmente ci si sentirà soli.

Questo vale,  ovviamente, anche per le proprie passioni, per i propri hobby,  e non solo, ma anche per determinate situazioni.  Chi ha l’hobby del modellismo, per esempio, non avrà modo di sentirsi in solitudine mentre si dedica alla propria passione, così come, tanto per tornare all’esempio fatto all’inizio, una passeggiata in un posto che si ama particolarmente, anche se fisicamente da soli, riempirà la propria esistenza.

uomo e caneLa differenza la fa l’amore, e basta  rifletterci un po’ su, per rendersi conto che mai affermazione del genere fu più corretta.
Quindi, la ricetta per combattere la solitudine è l’amore, cercare qualcosa da amare, coltivare le proprie passioni o, se non se ne hanno, trovarne qualcuna che faccia al proprio caso, che risvegli in se quella sensazione di appagamento che  prima era sopita e che non trova modo di venire alla luce.
Certo, non tutti sanno trovare qualcosa da amare, ma per il loro bene sarebbe opportuno che imparassero a farlo.

Leggi anche

Seguici