Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Sfregamento delle cosce: rimedi per alleviare l’irritazione

Questi elencati sono alcuni rimedi, naturali e non, efficaci nell'alleviare il rossore e l'infiammazione della pelle provocata dallo sfregamento delle cosce

di Anna Pannico

07 Agosto 2017



Lo sfregamento delle cosce è un fenomeno che interessa molte donne, specie nella stagione estiva, in quanto il sudore fomenta ancora di più il fastidioso attrito tra le gambe.

 

Vi sono rimedi, alcuni estremamente semplici e totalmente naturali, con i quali è possibile non solo prevenire il bruciore provocato dallo sfregamento delle cosce, ma anche dare sollievo alle infiammazioni quando si presentano.

 

Qualora lo sfregamento delle cosce provochi irritazioni, è importante pulire ed anche disinfettare la zona interessata dal bruciore e dall’arrossamento.

Sfregamento delle cosce: rimedi per alleviare l'irritazione

Difatti, anche quando il bruciore ancora si fa sentire, è bene sciacquare con acqua fredda o al massimo tiepida l’interno coscia evitando però, di utilizzare detergenti aggressivi.

 

Decisamente migliori sono quelli a base naturale e dal ph neutro poiché, i saponi con molti elementi chimici aggiunti, potrebbero aumentare ancora di più l’irritazione della pelle peggiorandone gli effetti.

 

Allo stesso tempo, anche se potrebbe sembrare decisamente strano, è importante  disinfettare la zona irritata dallo sfregamento delle cosce al fine di eliminare tutti i batteri presenti. La proliferazione degli stessi sulla pelle già irritata non farebbe altro che aumentare ancora di più l’infiammazione.

Anche in questo caso è bene stare alla larga dai disinfettanti contenenti alcool, utilizzando piuttosto, prodotti come la tintura di iodio o l’acqua ossigenata.

Quando si è fuori casa e si vuole fronteggiare tempestivamente l’irritazione, può essere utile applicare subito una crema antibatterica, cercando se possibile, di pulire la pelle prima di procedere all’applicazione.

 

Eccetto per la crema antibatterica che va spalmata rigorosamente a mani pulite, per l’acqua ossigenata o la tintura di iodio procedete all’applicazione con l’ausilio di un dischetto di cotone, però senza strofinarlo ma tamponando leggermente sulla pelle infetta.

 

Dopo aver eseguito la procedura preliminare è possibile ricorrere a diversi rimedi naturali per accelerare il processo di guarigione  dall’irritazione provocata dallo sfregamento delle cosce.

 

  • Aloe vera.

 

Il gel di aloe vera ha proprietà antinfiammatorie, lenitive ed antidolorifiche per cui è particolarmente utile per dare sollievo alle infiammazioni dovute allo sfregamento delle cosce. Inoltre, arreca alla pelle arrossata una sensazione di freschezza donando sollievo immediato. E’ possibile applicare sulla zona arrossata il gel di aloe puro ricavato direttamente dalla foglia oppure quello acquistato in commercio, avendo cura però, di verificare che sia 100% naturale. Il trattamento può essere ripetuto anche per 2-3 volte al giorno.

Come si prepara il gel di Aloe Vera
  • Farina d’avena.

 

La farina d’avena ha proprietà antinfiammatorie e lenitive sulla pelle arrossata. In caso di irritazione causata dallo sfregamento delle cosce, da sollievo alla pelle fare un bagno tiepido aggiungendo nella vasca della farina d’avena. 150 gr di farina d’avena bastano, l’importante è che venga lasciata in ammollo nell’acqua tiepida prima di immergersi. Restate immersi nella vasca per circa 20 minuti, dopodiché procedete ad asciugare bene il tratto di pelle infetto, onde evitare di favorire la proliferazione dei batteri con l’umidità.

 

  • Olio di oliva.

 

Grazie al contenuto di vitamina E ed antiossidanti l’olio di oliva può essere utilizzato per trattare le irritazioni della pelle, anche quelle dovute allo sfregamento delle cosce. Dopo aver lavato la zona interessata versate un paio di gocce di olio di oliva sulla pelle e lasciate agire per qualche minuto. La raccomandazione è di compiere l’azione a mani pulite. Il trattamento può essere eseguito anche 1-2 volte al giorno.

 Olio di oliva: 5  trattamenti che non conoscevi
  • Camomilla. 

 

E’ un rimedio naturale efficace a dare sollievo alla pelle irritata dallo sfregamento delle cosce. Vi basterà preparare una tazza con acqua non troppo calda ( non bollente) ed utilizzare l’infuso come ultimo risciacquo sulla zona bruciante dopo aver fatto il bagno o la doccia.

 

Anche il bicarbonato può essere efficace nell’alleviare gli effetti dello sfregamento delle cosce.

 

Il bicarbonato di sodio infatti aiuta a dare sollievo al prurito ed al fastidio della pelle provocato dalle irritazioni. Inoltre, svolge un’azione antibatterica utile a prevenire la proliferazione dei batteri.

Sarà sufficiente mescolare ¼ di bicarbonato con ¾ di acqua ottenendo un composto omogeneo da applicare direttamente sulla pelle irritata ed arrossata.

 

Dopo aver delicatamente tamponato il composto sulla pelle, procedete ad un abbondante risciacquo con acqua fredda. Il tempo di posa del trattamento è di circa 5 minuti e può essere ripetuto anche 1-2 volte al giorno.

 

Ci sono alcune creme con ingredienti specifici che rappresentano un valido aiuto nel ridurre il rossore e calmare il bruciore dovuto allo sfregamento delle cosce.

Fanno a questo caso le creme a base di calendula e di ossido di zinco.

 

La principale proprietà dell’ossido di zinco è quella di lenire le infiammazioni e le irritazioni della pelle, aiutando a rimarginare lo strato di pelle traumatizzato. L’ossido di zinco può essere utilizzato sia per prevenire l’arrossamento (applicandolo prima che si verifichi il danno) sia per curare l’infiammazione già avvenuta.

La calendula invece, gode di proprietà cicatrizzanti ed antinfiammatorie che la rendono particolarmente utile nella cura delle irritazioni perché dona sollievo immediato all’arrossamento.

Oltre che sottoforma di crema, può essere applicata anche nella specie di olio. Inoltre, è possibile acquistare in commercio sia direttamente i prodotti a base di calendula sia i fiori secchi di calendula con i quali realizzare autonomamente a casa un infuso.

 

Il decotto si può realizzare facendo bollire in acqua sul fuoco i fiori secchi (per qualche minuto) aspettando che la miscela si raffreddi prima di impiegarla. L’infuso così preparato va versato nell’acqua tiepida della vasca da bagno nella quale immergersi. L’olio o la pomata a base di calendula invece, possono essere applicati direttamente sulla parte infiammata 2-3 volte al giorno.

In merito ai trattamenti naturali che richiedono l’impiego dell’acqua è sempre bene, dopo aver eseguito il trattamento, asciugare bene la zona irritata perché l’umidità non favorisce il risanamento della pelle ed agevola soltanto la proliferazione dei batteri.

In generale, a prescindere dal tipo di trattamento attuato, è consigliato tenere la zona infiammata scoperta in modo tale che possa “seccarsi” più velocemente.

 

Utile invece a prevenire l’arrossamento dello sfregamento delle cosce è l’amido di mais.

Specie in estate, il sudore è un aggravante perché  i minerali in esso contenuto irritano ulteriormente la pelle, rendendo lo sfregamento delle cosce quasi inevitabile.

 

Con l’amido di mais è possibile prevenire tutto questo in quanto assorbe bene l’umidità mantenendo la pelle dell’interno coscia secca ed asciutta, riducendo di conseguenza, l’attrito che provoca lo sfregamento delle cosce. L’amido di mais può essere applicato anche più volte al giorno, importante è farlo dopo aver lavato ed accuratamente asciugato la zona di pelle.

 

E’ sottinteso che, in caso di irritazioni più gravi dovute allo sfregamento delle cosce, potrebbe essere necessaria l’assunzione di farmaci, però soltanto dopo aver opportunamente consultato il medico.

 

 

 

 

 

Fonte immagine di copertina Ingimage con licenza d’uso ID: 02A1342F

Leggi anche

Seguici