Questo sito contribuisce
all'audience di

Ecografia al Fegato, Che Cos’è e a Cosa Serve

L' ecografia al fegato gode di notevole importanza poiché è in grado di fornire un quadro clinico certo ed affidabile di uno degli organi più importanti

di Anna Pannico

15 Marzo 2017



Spesso ci sembra che alcuni organi del nostro corpo svolgano funzioni marginali che in realtà sono fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo. L’ ecografia al fegato riveste una notevole importanza in quanto permette di monitorare una delle ghiandole più grosse del corpo umano.

L’ecografia epatica o ecografia al fegato è un esame diagnostico per immagini che permette di ottenere informazioni in merito alle dimensioni ed alla struttura del fegato.

 

ecografia al fegato a cosa serve

Studiando l’anatomia dell’organo, l’ ecografia al fegato delinea la consistenza del fegato, l’irrorazione sanguigna e permette di estendere lo studio anche ad altri organi addominali come la cistifellea (o colecisti) e le vie biliari, strettamente connesse al fegato.

Difatti, attraverso l’ ecografia al fegato è possibile individuare non solo tipiche patologie epatiche, ma anche la presenza di calcoli all’interno della cistifellea o delle vie biliari, nonché formazioni tumorali maligne o benigne a cui il fegato è particolarmente esposto

 

A tal fine l’ecografia epatica ricopre un ruolo di primaria importanza per la prevenzione, data una forte diffusione del tumore al fegato.

Per eseguire l’ ecografia al fegato viene utilizzata la tecnica degli ultrasuoni, ovvero onde sonore ad alta frequenza non pericolose per il paziente.

Gli ultrasuoni non sono radiazioni, per cui non danneggiano organi e tessuti del corpo. Il paziente non è esposto a nessun pericolo e non corre alcun rischio, anche qualora dovesse ripetere l’esame più volte nel tempo. Gli ultrasuoni emessi da una sonda vengono riflessi dagli organi che toccano, e successivamente convertiti in immagine da un apposito dispositivo informatico.

 

Al momento dell’esame il paziente si posiziona supinamente sul lettino. Dopo aver applicato una piccola quantità di gel sulla pelle del paziente, il medico ecografista muove la sonda sulla zona interessata visualizzando l’immagine nello schermo del dispositivo.

 

Il referto dell’esame è formulato dal medico ecografista, il quale, potrebbe avvalersi dei referti medici antecedenti al fine di verificare i cambiamenti nel corso del tempo. Pertanto, il consiglio pratico è di portare con sé tutta la documentazione medica di cui già si dispone.

 

In merito alla preparazione, il paziente dovrà osservare semplici regole alimentari al fine di eseguire l’esame in maniera corretta ed efficiente. E’ richiesto di osservare il digiuno nelle 6-8 ore precedenti l’esame, con l’ultimo pasto prima del digiuno povero di grassi.

 

E’ preferibile bere acqua esclusivamente naturale, e di limitare nei 2-3 giorni prima dell’esame il consumo di cibi che possono dare problemi di meteorismo e flatulenza. Questo perché l’eccessiva presenza di gas intestinali può interferire nella visibilità del fegato durante l’ecografia.

 

 ecografia al fegato a cosa serve

 La ghiandola oggetto di studio dell’ ecografia al fegato svolge numerose funzioni utili alla digestione, alla difesa dell’organismo e per l’eliminazione delle sostanze tossiche.

Il fegato è una ghiandola di grandi dimensioni composta da quattro lobi. Si trova nella parte destra dell’addome, al di sotto del diaframma, precisamente vicino al colon trasverso ed allo stomaco. La complessità di quest’organo è determinata dal fatto che ricopre molteplici funzioni, tutte preziose per il nostro organismo.

Il fegato collabora alla sintesi del colesterolo e dei trigliceridi, mentre la bile che produce riduce i grassi. Inoltre, funge da serbatoio per il ferro e specifiche vitamine e demolisce le sostanze tossiche che il nostro corpo assume.

 

Il fegato è un organo ad elevata vulnerabilità e diversi sono i fattori che possono provocare disfunzioni. Tra questi il fumo, l’abuso di alcool, farmaci ed infezioni virali. Tra le malattie che possono gravemente compromettere la funzionalità dell’organo vi sono anche i tumori, per cui esami medici come l’ ecografia al fegato aiutano a prevenire formazioni di questo tipo.

 

Data la sua notevole importanza, il fegato va salvaguardato. La medicina fornisce alternative per sopperire alle disfunzioni di alcuni organi, ma questo si rende difficile quando si tratta del fegato. Non esistono strumenti in grado di sostituirsi al fegato proprio perché ricopre funzioni complesse e non circoscritte.

 

E’ bene allora, adottare stili di vita sani che non ne compromettano la regolare funzionalità, sottoponendosi periodicamente ad esami medici per una corretta prevenzione.

 

Leggi anche

Seguici