Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Benefici dell’Acido Clorogenico, Equilibra il Metabolismo e Fa Dimagrire Perché…

L’acido clorogenico è una sostanza presente nel caffè verde ed è in grado di assicurare all’organismo un gran numero di benefici, molto utilizzata per la preparazione di integratori alimentari.

di Daniele Lisi

18 Dicembre 2015



Caffè verdeBenefici dell’Acido Clorogenico, Equilibra il Metabolismo e Fa Dimagrire Perché, tra le tante altre cose, aiuta l’intestino ad assorbire meno zuccheri e meno grassi. L’acido clorogenico è presente in gran quantità nei chicchi di caffè verde, il caffè non ancora tostato, procedimento che gli fa perdere una serie di sostanze, un po’ come accade anche con quasi tutti gli alimenti raffinati, la farina doppio zero in particolare, ma anche lo zucchero e via dicendo. L’acido clorogenico è una sostanza in grado di assicurare all’organismo un gran numero di benefici, e viene molto utilizzata per la preparazione di integratori alimentari, il modo migliore e anche più pratico per assumerla. Secondo numerosi recenti studi sarebbe in grado di riequilibrare il metabolismo, in particolar modo di ridargli parte dei fasti perduti di un tempo, ma anche di prevenire alcune malattie serie, come quelle cardiache e il diabete, altro importante fattore di rischio cardiovascolare. E ancora, dal momento che riesce a ridurre i livelli di glucosio nel sangue a anche ad inibire l’assorbimento dei carboidrati, è un eccellente aiuto per perdere quei chili di troppo così fastidiosi da portare a spasso.

È anche ricco di minerali, vitamine del gruppo B, acido tannico e polifenoli e di antiossidanti, questi ultimi in grado di neutralizzare i radicali liberi, i responsabili dell’invecchiamento cellulare e quindi anche della comparsa di non poche malattie quali il cancro e quelle degenerative del sistema nervoso centrale. Insomma, l’acido clorogenico è in sostanza un vero amico della salute, per cui sarebbe consigliabile assumerlo nelle forme disponibili. Questo acido è presente anche in altri alimenti, tuttavia in questo caso la sua concentrazione è del tutto insufficiente, per cui la soluzione migliore resta quella legata al caffè verde, nello specifico ricorrendo agli integratori che lo contengono.

Caffè verdeIl caffè verde è possibile berlo anche quasi come un qualsiasi altro caffè. È un po’ difficile da trovare nei supermercati, per cui bisogna cercarlo nelle erboristerie o nei negozi che vendono prodotti bio. Lo si trova sia in chicchi o in bustine, come il tè, tuttavia è meglio quello in chicchi così si ha la certezza di non assumere altre sostanze. Per prepararlo basta prendere un bel cucchiaio di chicchi, versarli in un vecchio macinino da caffè, per chi ha la fortuna di possederne ancora uno, oppure lo si può sminuzzare pestandolo in un mortaio, metterlo poi in infusione in acqua calda ad almeno 80° per 10 minuti e poi berlo. Sarà amaro, ma lo si può zuccherare a piacere.

Non bere più di tre tazze al giorno, anche se in effetti contiene meno caffeina di quello tostato e inoltre il rilascio nell’organismo è decisamente più lento. L’acido clorogenico agisce in particolar modo sul metabolismo di zuccheri e grassi, riducendone quindi l’assorbimento e, in particolare, agisce positivamente sul fegato, accelerandone le funzioni e anche regolarizzando la glicemia. La sua caratteristica principale non è l’effetto dimagrante, come del resto precisa la stessa Autorità Europea per la Scienza Alimentare – European Food Safely Authority, ma piuttosto il suo effetto positivo sulla salute in generale.

metabolismoChe poi un minor assorbimento di grassi e zuccheri contribuisca anche alla perdita di peso è un fatto certamente interessante, anche se da solo non basta per cui è necessario anche adottare un corretto regime alimentare e praticare in maniera costante attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare. In tutti i casi, il suo effetto come regolatore del metabolismo è fondamentale in quanto, si sa, un metabolismo poco efficiente ha una impatto negativo sulla salute, in particolare sulla resistenza all’insulina, con ricadute negative sulla salute del sistema cardiovascolare, cuore, diabete e altro ancora.

Leggi anche

Seguici