Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Cronodieta, Come dimagrire mangiando le cose giuste al momento giusto

La cronodieta è basata sui principi della cronobiologia, la scienza che studia i ritmi biologici. In questa dieta il problema non è quanto si mangia ma quando si mangia. Se vogliamo dimagrire non ci rimane che leggere le righe che seguono: sarà molto interessante ed innovativo.

di Redazione

10 Luglio 2014



Se si desidera perdere peso seguendo un piano alimentare che non preveda di pesare le razioni, la soluzione è la cronodieta.

La cronodieta, studiata e pensata dai medici italiani Paolo Marconi e Muro Todisco negli anni 1990, è basata sui ritmi biologici dell’organismo; questa alimentazione prende in considerazione anche il quadro ormonale che, però, è strettamente personale.

La cronodieta, come suggerisce il nome, parte dalla considerazione oltre a ciò che si mangi sia fondamentale l’orario. In alcuni momenti della giornata il nostro organismo è maggiormente portato a smaltire le calorie evitando quindi, l’accumulo sotto forma di scorte adipose; per dimagrire però, bisogna sia prendere in considerazione anche il modo in cui si combinano gli alimenti che effettuare delle differenze legate al sessi.

Questo regime alimentare suggerisce di prediligere le proteine di carne, pesce, legumi e uova alla sera, quando la necessità calorica è molto inferiore; invece, durante la prima parte della giornata, si consiglia di assumere i carboidrati perchè forniscono energia che si potrà smaltire con facilità.

Per perdere peso con la cronodieta è importante che i pasti avvengano in un determinato arco di tempo. L’orario per la colazione dovrebbe essere compreso dalle 07.30 alle 09.30, il pranzo dalle 12.30 alle 14.30 mentre la cena fra le 19.00 e le 21.00.

La prima colazione è fondamentale e non deve mai essere saltata; deve comprendere pane, fette biscottate o cereali da accompagnare con bevande senza zucchero. Ogni tanto si possono anche inserire dei biscotti o altri dolciumi. A metà mattina, entro le 10.30, si fa lo spuntino a base di frutto invece a pranzo si possono consumare i glucidi di riso, patate, pane e pasta; è importante abbinare anche la verdura. La merenda pomeridiana, che deve avvenire entro le 17.00, è possibile mangiare un frutto o uno yogurt magro mentre a cena via libera alle proteine, alle verdure e agli ortaggi.

L’unica accortezza è prediligere i prodotti dell’orto con una quantità inferiore di zuccheri; ecco perchè bisogna limitare le carote ma anche i peperoni rossi e i carciofi.

Leggi anche

Seguici